rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
energia

Basta sprechi, accordo Enea-Ministero Difesa per tagliare la bolletta degli edifici militari

Il primo intervento di riqualificazione ed efficientamento interesserà il Policlinico militare del Celio di Roma, un complesso di 20 edifici. A giugno l'Enea ha firmato un accordo simile anche con il ministro dei Beni Culturali

Dopo i musei, è arrivato il momento di mettere fine agli sprechi energetici anche degli edifici militari. Per raggiungere questo obiettivo il Presidente Enea, Federico Testa e il Sottosegretario alla Difesa, Gioacchino Alfano ieri, a Roma, hanno firmato un protocollo d'intesa per la riqualificazione e l'efficientamento energetico degli immobili della Difesa. Si comincia dal Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, un complesso di circa 20 fra edifici e padiglioni, unico nel suo genere sia per il valore storico e architettonico, sia per dimensioni e strumentazioni d'avanguardia.

"Il protocollo - ha evidenziato Federico Testa, Presidente dell'Enea - prosegue nel solco delle collaborazioni già intraprese dalla nostra Agenzia con Amministrazioni Pubbliche, quali il Ministero dei Beni Culturali per la diagnosi e la riqualificazione energetica dei musei, il Ministero delle Politiche Agricole, il Parlamento per la diagnosi energetica di immobili storici come Palazzo Montecitorio e Palazzo San Macuto e l'Arma dei Carabinieri per la diagnosi del Comando generale di viale Romania a Roma".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basta sprechi, accordo Enea-Ministero Difesa per tagliare la bolletta degli edifici militari

Today è in caricamento