L'inquinamento accorcia la vita degli italiani, al Nord si muore prima

Anna Gerometta, presidente della neo-nata associazione Cittadini per l’Aria: “E' ora di innalzare il livello di ambizione delle politiche per garantire alla popolazione il diritto all’aria pulita"

L’inquinamento atmosferico uccide: è responsabile ogni anno in Italia di circa 30mila morti, pari al 7% del dato totale (esclusi gli incidenti). Mediamente lo smog accorcia la vita dei residenti del Belpaese di 10 mesi. Anche in questo caso il dato la Penisola è divisa in tre: i mesi di vita in meno sono 14 per chi vive al Nord, 6,6 per gli abitanti del Centro e 5,7 al Sud e isole. E la situazione, in vista della ripresa economica, è destinata a peggiorare nel futuro se non dovesse esserci un drastico cambiamento di strategia. A lanciare l’allarme è Viias (Valutazione Integrata dell’Impatto su Ambiente e Salute dell’inquinamento atmosferico), progetto finanziato nel quadro delle iniziative del Centro Controllo Malattie (CCM) del Ministero della Salute e presentato oggi a Roma. 

La prospettiva futura è allarmante. I dati di VIIAS indicano infatti che nel 2020, nonostante i miglioramenti tecnologici e le politiche previste a livello nazionale ed europeo (CLe), lo scenario sarà peggiore di quello attuale: previsti 28.595 decessi legati al PM2.5 e 10.117 per NO2, a causa soprattutto delle emissioni dovute al traffico veicolare e alla combustione delle biomasse nel riscaldamento domestico. Basti pensare che nel 2020, il 21,5% degli italiani sarà esposto a concentrazioni di particolato fine superiori alla soglia di legge (che stabilisce una media annua di 25 µg/m3), e decisamente oltre il limite fissato dall’Organizzazione mondiale della sanità (10 µg/m3). Questa percentuale salirà fino 34% al Nord Italia e raggiungerà il 42.3% tra i residenti nei centri urbani.

Ma le soluzioni esistono. Ancora una volta la risposta al problema sta nell’attuazione di politiche di mobilità e verde urbano molto più coraggiose delle attuali, in favore soprattutto dei centri cittadini e metropolitani che oggi rappresentano spesso vere e proprie camere a gas per i loro abitanti; nel riconvertire o dislocare gli stabilimenti industriali fuori dalle aree popolate, o comunque prevedere in tempi brevi l’adozione delle migliori tecnologie disponibili per ridurne l’impatto sulla qualità dell’aria; in un rapido cambiamento delle politiche sulle biomasse; nell’adozione di misure adeguate per l’agricoltura e l’allevamento, volte una riduzione delle emissioni di ammoniaca e metano, precursori del particolato e dell’ozono.
 
L’associazione Cittadini per l’Aria, ente non profit impegnato a lavorare per il miglioramento della qualità dell’aria, presente all'incontro che si è svolto a Roma commenta: “Oggi è un giorno molto importante per l’Italia e le politiche dell’aria; il giorno in cui il nostro Paese – e chi lo dirige – ha, nero su bianco, il dato delle morti premature e del danno sanitario, area per area, causati dagli inquinanti dell’aria. Questi dati – e dunque la certezza dell’insufficienza delle politiche messe finora in atto - obbligano chi governa a prendere coscienza che è indispensabile cambiare livello di ambizione sia sul fronte delle politiche nazionale e regionali, che su quello europeo. Occorre comprendere che grandissima parte di quelle morti si sarebbero potute evitare con politiche più efficaci e tempestive” spiega il presidente Anna Gerometta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gf Vip, De Blanck: "Alba Parietti una stronza". Il figlio dà ragione e lei chiama in diretta

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi sabato 19 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi giovedì 17 settembre 2020: numeri e quote

  • Il cittadino insospettabile che masturbava ragazzini in cambio di scarpe e spinelli

  • Polemica a Tale e Quale, Carmen Russo nei panni di Stefania Rotolo ma la figlia non apprezza

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di martedì 22 settembre 2020: numeri e quote

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento