rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
life

Inquinamento, le invenzioni italiane che mappano la radioattività

Il prototipo sperimentale di Petronorov e l'elicottero Radgyro verranno presentati allo Smau Firenze, l’evento dedicato all’innovazione alla tecnologia che si terrà il 7 e 8 luglio 

Si chiamano “Petrorov” e Radgyro, le invenzioni italiane in grado di mappare lo stato di salute del suolo. Il primo racchiude un sistema di acquisizione di dati ambientali e geofisici in forma integrata, in grado di fornire risposte sulle proprietà fisico-chimiche, mineralogiche e geotecniche dei terreni e dunque anche sui livelli di radioattività del terreno; realizzato da PetroLogic Synergy srl, nuova azienda spin off dell'Università di Siena, verrà presentato allo Smau Firenze, l’evento dedicato all’innovazione alla tecnologia, il prossimo 7 e 8 luglio. Sarà impiegato in una vasta gamma di settori di interesse economico e scientifico.

A fargli compagnia in fiera ci sarà anche Radgyro, realizzato da GeoExplorer srl, spin off dell’Università di Siena, l’elicottero-laboratorio volante per indagini spettrometriche, capace di misurare in volo simultaneamente diversi range spettrali elettromagnetici. Un velivolo di ricerca equipaggiato con un'innovativa piattaforma multiparametrica, impiegato al momento in Umbria per studiare le valli del territorio e valutare così il livello di esposizione della popolazione locale alla radioattività di origine cosmica sulla base di standard di riferimento internazionali. I risultati finali dello studio del team di ricerca dell'Infn, in collaborazione con il Servizio Geologico regionale Umbro, saranno sintetizzati in specifiche elaborazioni cartografiche open data e saranno divulgati nel corso del 2017 agli enti locali e alle scuole del territorio.

“Gli strumenti del velivolo – spiegano i ricercatori - sono in grado di creare ortofoto e modelli digitali del terreno, indispensabili nella cartografia di dettaglio o nello studio di fenomeni naturali come frane e alluvioni, o nel monitoraggio delle estrazioni da cave e miniere, ma anche del riempimento delle discariche e della provenienza di sversamenti inquinanti. Il progetto Radgyro si sta sviluppando anche nel campo del monitoraggio della salute della vegetazione, del grado di irrigazione o di fertilizzazione dei terreni e verso applicazioni sempre più innovative”.

Petronov-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento, le invenzioni italiane che mappano la radioattività

Today è in caricamento