Venerdì, 30 Luglio 2021
VOLA LA DIFFERENZIATA

Rifiuti, cresce la raccolta imballaggi in plastica: brillante la performance del Sud

Differenziate circa 900mila tonnellate, con un aumento dell'8,4% rispetto al 2014. Il Meridione segna un + 14%

Il 2015 è stato un buon anno per la differenziata. Dopo i dati positivi, diffusi dallo studio realizzato da Bain & Company per Utilitalia, secondo cui in 8 anni la raccolta, trainata dall'organico, ha registrato un incremento del 64%. Anche gli imballaggi in plastica, i rifiuti più inquinanti che ci siano, vengono differenziati sempre di più. Questa volta lo dice il Consorzio Corepla. Nel 2015 sono state raccolte circa 900mila tonnellate, con un aumento dell'8,4% rispetto al 2014. Vola il Sud Italia che segna un progresso del 14%. 

Secondo i dati diffusi sono stati anche recuperati quegli imballaggi che ancora faticano a trovare sbocchi industriali verso il riciclo meccanico e il mercato: circa 324mila tonnellate hanno prodotto calore ed energia pulita invece di inquinare. Solo lo 0,8% del materiale raccolto è stato avviato alla discarica. Grazie al Consorzio è stato possibile evitare l'immissione in discarica di 29 milioni di metri cubi di rifiuti. La copertura della popolazione servita sfiora il 97%, la raccolta pro capite passa da 13,9 a 15,1 Kg annui.

"E' un segnale di risveglio - ha commentato il presidente di Corepla, Giorgio Quagliuolo - un segnale non spontaneo ma che è stato accompagnato dalle azioni fatte da noi e dal Conai per portare le aree più in ritardo d'Italia vicino alle aree più performanti" in materia di raccolta e riciclo di materiali in plastica. È un dato, ha concluso Quagliuolo che "conferma la bontà delle nostre azioni" e quindi siamo solo "parzialmente sorpresi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, cresce la raccolta imballaggi in plastica: brillante la performance del Sud

Today è in caricamento