Giovedì, 29 Luglio 2021
L'INSEGNAMENTO GREEN

La storia del vino si studierà a scuola? La proposta di legge firmata Stefàno

Almeno un'ora a settimana, nelle scuole primarie e secondarie. L'onorevole: "Non esiste pezzo di storia del nostro Paese che non incroci vicende legate all'uva e al vino"

La storia del vino potrebbe essere presto una nuova materia scolastica. A lanciare la proposta, ieri a Palazzo Madama, presentando un disegno di legge, insieme ad Attilio Scienza, professore dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, Riccardo Cotarella, presidente Assoenologi, Paolo Castelletti, segretario generale Unione Italiana Vini e Isabella Marinucci, responsabile Area Vini di Federvini è il senatore pugliese Dario Stefàno (Sel), membro della commissione Agricoltura.

"Non esiste pezzo di storia del nostro Paese che non incroci vicende legate all'uva e al vino. Dobbiamo iniziare a raccontare l'Italia anche attraverso le peculiarità identitarie che hanno accompagnato tutti i passaggi della storia più importanti. E' venuto il momento che l'Italia introduca come disciplina obbligatoria, e quindi a pieno titolo, "Storia e la Civiltà del Vino" nel patrimonio di conoscenze basilari dei nostri ragazzi", scrive sui social.

Il disegno di legge prevede che si studi la storia del vino, un'ora a settimana, nelle scuole primarie e secondarie. L'idea del senatore è di Stefano_presenta_ddlVino-2fare di far partire già l'anno prossimo dei progetti pilota che vedrebbero la Regione Puglia in prima linea ovviamente.

"Non si tratta – ha tenuto a sottolineare il senatore - di irrobustire la formazione tecnica nelle scuole professionali, che pure è necessario fare e con tempestività, ma di contribuire a formare il patrimonio di cultura generale e del sapere delle nuove generazioni". 

“La consapevolezza nasce dalla conoscenza, dal sapere che – ha concluso Stefàno – si apprende già da piccoli. L’Italia vitivinicola è un giacimento inestimabile, a livello ampelografico e paesaggistico, così come culturale e di tradizioni popolari, da conoscere e imparare a difendere e valorizzare, sin da bambini. Centinaia di differenti vitigni autoctoni, vigneti storici, veri monumenti naturali e culturali, costituiscono il cuore di una biodiversità unica al mondo, di un patrimonio che è fonte di lavoro, occupazione e reddito che si presta in modo mirabile all’innovazione, ad essere potente fonte di investimento per le giovani generazioni”. 

Il testo prevede anche una copertura di 12,6 milioni di euro, a partire dal 2016, destinati anche alla formazione degli insegnati che dovrebbero insegnare la materia, in un percorso tutto da costruire con il Ministero dell’Università e dell’Istruzione. 

L'Italia è il primo esportatore al mondo di vino, su questo non ci sono dubbi: il settore è tra i più importanti dell'economia della Penisola. La proposta piace ai produttori. Insegnare ai giovani la cultura del vino non potrebbe che migliorare le cose.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia del vino si studierà a scuola? La proposta di legge firmata Stefàno

Today è in caricamento