Car sharing, troppo incidenti: "Presto scatole nere sulle 500 Enjoy"

Il dispositivo telematico verrà installato su tutte le auto, entro fine luglio. L'obiettivo è poter verificare il corretto utilizzo del veicolo e stabilire la dinamica di eventuali sinistri

Incidente in corso Francia a Torino

Tutte le 500 rosse del car sharing Enjoy di Eni entro la fine del mese saranno munite di scatole nere. L'azienda del cane a sei zampe, per far sì che gli utenti del servizio stiano più attenti mentre sono alla guida delle auto corre ai ripari sperando così di ridurre il numero di incidenti.

"A partire dalla flotta delle 500 a Catania - spiega l'azienda - Enjoy ha deciso di installare su tutte le auto un dispositivo telematico che consente di verificare il corretto utilizzo del veicolo e stabilire la dinamica di eventuali sinistri: in questo modo si vuole aumentare la disponibilità di mezzi efficienti, oltre ad incoraggiare uno stile di guida attento alla sicurezza e coerente con lo spirito della condivisione di chi vive nell’era della sharing mobility. Entro il mese di luglio i dispositivi saranno installati su tutta la flotta Enjoy".

Il servizio di car sharing, targato Eni, è partito circa due anni e mezzo fa a Milano. Oggi le 500 rosse sono presenti anche a Roma, Firenze, Torino e, da pochissimo, anche a Catania. Complessivamente sono più di 470 mila gli iscritti e 7 milioni e 700 mila i noleggi effettuati. Da quando il servizio è stato lanciato, gli incidenti avvenuti a bordo delle auto Enjoy sono stati diversi, anche se non si conoscono le cifre ufficiali. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento