Venerdì, 17 Settembre 2021
mobilità

Ride-sharing: viaggiare contro la crisi, fare nuove esperienze e conoscersi

Blablacar è uno dei siti più usati dagli utenti che viaggiano in ride-sharing. Abbiamo parlato con una di loro, che ci ha raccontato avventure ed esperienze della mobilità sostenibile

Sarà colpa della crisi, sarà merito di internet. Fatto sta che il ride-sharing è sempre più utilizzato nel nostro Paese. Gli autostoppisti 2.0 si mettono d'accordo tramite il web e viaggiano insieme condividendo spese ma anche il tempo del viaggio. E spesso tutto questo ha portato ad avventure inaspettate. Ce lo spiega S., una delle utenti di Blablacar.it, la pagina web più utilizzata per questo scopo.

Da quanto tempo sei iscritta a Blablacar?
"Dal 2010. Ho iniziato a usare il ride-sharing mentre ero in erasmus a Barcellona. In Spagna i treni non funzionano troppo bene e comunque in quell'anno ho scoperto questa possibilità e devo dire che mi sono entusiasmata. Ho viaggiato all'inizio soprattutto tra Francia e Spagna, dove il servizio già in quegli anni era molto utilizzato"

Quindi oramai sei un'utente esperta?
"Diciamo di sì. Blablacar mi definisce "ambasciatrice" ovvero ho verificato la mia mail e il mio numero di cellulare per contattare gli utenti, sono iscritta al sito da più di 12 mesi e ho ricevuto un numero di feedback alto dalle persone con cui ho viaggiato, visto che di viaggi così ne ho fatti tanti"

Quanti viaggi in questi quattro anni?
"In erasmus moltissimi: sono stata a Granada, ho viaggiato lungo tutto il Portogallo e per la Francia. Avendo pochi vincoli lavorativi quell'anno mi sono un po' scatenata. Poi, tornata in Italia, l'ho usato per i piccoli spostamenti che facevo: andare a trovare i miei genitori, amici e piccole vacanze di fine settimana. Insomma non saprei dirti quanti sono stati con esattezza ma diversi, quello sì"

Chi hai incontrato lungo i tuoi viaggi?
"Persone di tutti i tipi: dai giocolieri che viaggiano in camper per lavoro, spostandosi d'estate da una località turistica a un'altra, a piccole famiglie che andavano da amici e parenti. Ricordo soprattutto uno dei miei primi viaggi: quello da Barcellona a Granada. Eravamo in nove con una piccola camionetta e abbiamo viaggiato insieme ben 10 ore per soli 10 euro. Ma ci siamo divertiti moltissimo, giocando, chiacchierando e conoscendoci. Uno dei conducenti poi è stato per un periodo anche un mio fidanzato"

Insomma esperienze di tutti i tipi?
"Sì, con persone di tutti i tipi. Basta avere soltanto voglia di viaggiare e un passaggio in macchina non diventa soltanto un modo per risparmiare tempo e denaro, ma anche per conoscere persone, scambiarsi opinioni e chiacchierare"

Ma mai una brutta esperienza?
"Mi è capitato una volta con tre ragazzi di rimanere bloccata in autostrada tra Bologna e Roma perché la macchina all'improvviso ha smesso di funzionare. Il problema era l'orario: erano quasi le due di notte. Ma il conducente e organizzatore del viaggio si è subito attivato per trovare una soluzione comoda per tutti. Alla fine è venuto a recuperarci il fratello di lui e ci ha portati a destinazione"

Insomma da ambasciatrice lo consiglieresti?
"Sì ma ovviamente con le dovute precauzioni: è necessario sempre controllare i feedback degli utenti per evitare brutte sorprese. Io scelgo sempre di viaggiare con chi mi sembra simile a me, per età, interessi ed esperienze. Poi ovviamente non è sempre così ma non posso dire di aver vissuto dei brutti momenti. Insomma con Blablacar ho anche trovato l'amore. Quindi non mi posso lamentare"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ride-sharing: viaggiare contro la crisi, fare nuove esperienze e conoscersi

Today è in caricamento