Domenica, 16 Maggio 2021

Dal British Museum al Louvre fino al MoMa e l'Hermitage: i musei del mondo a portata di click dal divano di casa

Con l'hashtag #MuseumFromHome sono molteplici le iniziative dei musei più prestigiosi del mondo, che tra virtual tour e visite multimediali delle collezioni, ma anche video, podcast e visite sui canali Youtube, tengono vivo il legame con i visitatori

In queste settimane di pervasività digitale, le collezioni dei musei italiani e le mostre on line rappresentano un'alternativa a portata immediata di click dal salotto di casa. Se sulle prerogative del futuro e del rinnovamento di musei e istituizioni culturali dopo la fase di quarantena il dibattito è in atto, alcuni contenuti digitali provengono anche da tutti i musei del mondo, sotto l'hashtag #MuseumFromHome. Vediamone alcuni.

Il British Museum di Londra offre la possibilità di ripercorrere due milioni di anni di storia, a partire da reperti preistorici e medievali, attraverso diversi metodi: tour virtuali degli spazi e delle gallerie tematiche, video e podcast di curatori ed esperti, attività didattiche pensate per i bambini, ricostruzioni in 3D e naturalmente l'accesso a circa 8 milioni di elementi, con una catalogazione tematica e innovativa. "Quando abbiamo aperto nel 1759 - si legge sul sito - ci siamo dichiarati orgogliosamente un posto per tutte le persone curiose. È una missione a cui ci stiamo ancora dedicando, anche se al momento non possiamo accogliere di persona i visitatori. Ma ci sono molti metodi alternativi per curiosare, studiare e sperimentare senza uscire di casa".

Anche il Louvre di Parigi propone più strumenti per la visita ai suoi inestimabili tesori: 29 sezioni tematiche attraverso la sua mirabile collezione, da "The art of portraiture" ("L'arte del ritratto") a "Landscapes" ("Paesaggi"), da "Smiles" ("Sorrisi") a "Kings, Queens and Emperors" ("Re, regine e imperatori"), una selezione di concerti registrati all'Auditorium prima del lockdown e altri contenuti nel canale You Tube, tra cui una sezione interamente dedicata ai bimbi, un focus in altissima risoluzione della Gioconda e una visita guidata agli spazi della sua Petite Galerie. 

Il Moma, Museum of Modern Art di New York, il museo più social del mondo, mette a disposizione dei visitatori virtuali 5 mila anni di storia in oltre 200mila immagini online, permette di visitare on line la mostra “Judd”, che aveva inaugurato lo scorso primo marzo, una retrospettiva in 70 opere dedicata all'artista Minimalista Donald Judd (1928-84), leggere un magazine digitale, insegnare ai propri studenti o ai propri figli "l'arte da casa" attraverso una serie di risorse on line, tra cui i video del canale You Tube, una serie di attività ludiche pensate per i più piccoli e una serie di corsi on line, da seguire gratuitamente sulla piattaforma di e-learning Coursera, tra cui alcuni dedicati all'arte moderna e contemporanea, alla fotografia, al design, alla pittura astratta.

Le 45 sale e le 600 opere dell'Hermitage di San Pietroburgo sono virtualmente visitabili in un inedito progetto a cura di Apple: un video tra le meraviglie del museo russo, esaltate dalle performance dei ballerini del teatro dell’Hermitage sulle musiche del compositore e pianista russo Kirill Richter, della durata di 5 ore girato in uno solo piano sequenza (quindi senza pause) con il nuovo iPhone 11 Pro Max.


Sono disponibili anche dei virtual tour e una sezione dedicata alle collezioni, tra dipinti disegni, miniature e incisioni, sculture, mosaici, costumi d'epoca, porcellane... Inoltre sulle pagine social di Ermitage Italia, sede veneziana del museo di San Pietroburgo, sono sempre aggiornati gli appuntamenti on line con le visite in italiano: approfondimenti a tema, dalle sale nobili del Palazzo d'Inverno agli abiti di gala della Corte degli Zar.


Dal Musée d’Orsay di Parigi al Rijksmuseum di Amsterdam, dalla Tate di Londra al Guggenheim di New York, dal Tokio National Museum al Museo de Arte di Lima Google Arts & Culture offre l'accesso a 1.200 musei in tutto il mondo. Con tutte le sue tecnologie, Google mette a disposizione software e applicativi per la cultura: la piattaforma web di Google Arts & Culture supporta oltre 2500 enti culturali in 70 paesi, più di 200.000 immagini digitali ad alta risoluzione di opere d'arte originali, sette milioni di reperti di archivio, più di 1800 acquisizioni di immagini di musei per Street View e oltre 3000 esposizioni online a cura di esperti. I visitatori possono cercare e scoprire opere d'arte, luoghi di interesse e siti del patrimonio mondiale, nonché esposizioni digitali che raccontano le storie racchiuse negli archivi degli enti culturali di tutto il mondo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal British Museum al Louvre fino al MoMa e l'Hermitage: i musei del mondo a portata di click dal divano di casa

Today è in caricamento