Martedì, 20 Aprile 2021

Coop premia la parità di genere, nell'ambito di "Close the Gap - riduciamo le differenze", con storie di imprese al femminile

Tra le pagine dell'agenda rosa che prevede iniziative interamente dedicate ai diritti delle donne, Coop ha attribuito dei riconoscimenti a cinque imprese virtuose scelte tra gli oltre 600 fornitori di prodotto, invitati all'incontro virtuale che ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Elena Bonetti, Ministra per le Pari opportunità e la Famiglia

Dall’apicoltura alla carne, dalla cosmetica all’ortofrutta fino alla calzetteria, storie virtuose di imprese al femminile, realtà rese operative da donne oggi premiate da Coop, che nell’ambito della campagna “Close the Gap - riduciamo le differenze” individua ed esalta la parità di genere. Tra le pagine dell'agenda rosa che prevede iniziative interamente dedicate ai diritti delle donne, Coop ha attribuito dei riconoscimenti a cinque imprese virtuose scelte tra gli oltre 600 fornitori di prodotto a marchio: Nicoletta Maffini, direttore generale e direttore commerciale e marketing Conapi, Anna Marfisi titolare insieme alla sorella della Marfisi Carni, Patrizia Poggiali a capo della Gala Cosmesi, Alessandra e Laura Orsini della Orsini & Damiani e Daniela Vignoni che segue il commerciale e il marketing della VMC-Vignon, hanno ritirato virtualmente il premio nel corso di un evento on line, a cui ha partecipato anche Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunita? e la Famiglia.

Dopo il sostegno alla petizione “Stop Tampon Tax!” - l'imposta IVA al 22% che grava sui prezzi degli assorbenti - ideata dal collettivo Onde Rosa e rilanciata da Coop da fine febbraio con 590.000 adesioni, Coop prosegue quelle che Marco Pedroni, Presidente Coop Italia e Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori), chiama "tappe di un percorso sostanziale, che non riguardano la forma". "Noi di Coop - continua - siamo impegnati in prima linea con le nostre cooperative che stanno avviando percorsi di formazione specifici al loro interno, abbiamo promosso una campagna di sensibilizzazione partendo da una disuguglianza piccola ma esistente, appunto la Tampon Tax, oggi vogliamo trovare al nostro fianco i nostri fornitori che sono per noi importanti alleati anche in ambiti che non siano esclusivamente di business”.

L'attività è una sorta di anteprima del Premio annuale (la prima edizione a marzo 2022) pensato per promuovere comportamenti virtuosi sul tema. Intanto Coop ha aderito ufficialmente alla WEP (Women Empowerment Principles), i principi di emancipazione femminile delle Nazioni Unite, tra questi il trattamento equo di uomini e donne nel mondo del lavoro o la promozione delle attività imprenditoriali da parte delle donne, il riconoscimento del loro ruolo in ambito HR e rispetto della loro dignità. 

"Aderire ai principi WEP delle Nazioni Unite sottolinea come il potenziamento del ruolo delle donne nel mondo del lavoro può avere dei risvolti profondi al livello sociale - dichiara Maura Latini, Amministratrice delegata Coop Italia - e i riconoscimenti assegnati da Coop a delle imprese nostre fornitrici sottolineano come la presenza delle donne non riguardi un ambiente in particolare, ma che hanno dimostrato nei fatti di essere datori di lavoro al femminile e al tempo stesso di aver creato al proprio interno occasioni di crescita professionale e di riconoscimento per le donne".

Del resto, come aggiunge Luigi Bobba, Presidente Comitato Global Inclusion – Art 3, "Dal riconoscimento della diversità occorre passare alla promozione dell'inclusione, premiando, incoraggiando e sostenendo azioni volte a eliminare le differenze di genere". "Le politiche inclusive non vertono solo al risanamento di una disuguaglianza ma possono attivare energie per offrire al Paese un'occasione di ripartenza: la parità di genere non è soltanto un tema di donne per le donne - conclude la Ministra Bonetti - ma un'occasione necessaria per l'Italia".

LE IMPRESE PREMIATE

Lo stabilimento Conapi, che nasce nel 1979 e ha sede a Bologna, consta di 600 apicoltori divisi in 315 aziende, con oltre 100.000 alveari, ben 50 miliardi di api. “Oltre il 25% dei nostri apicoltori sono donne - racconta Nicoletta Maffini, direttore generale e direttore commerciale e marketing Conapi - e dietro ogni grande apicoltore c’è sempre anche una presenza femminile. Il mondo delle api è un mondo al femminile. Qui la natura ha permesso il capovolgimento del concetto di parità di genere". Da Conapi proviene il 20% del miele biologico prodotto in Italia e tutto il miele italiano a marchio Coop.

Coop_Close the Gap_incontro fornitori_Marfini_Conapi-2
Nicoletta Maffini, direttore generale e direttore commerciale e marketing Conapi

L'azienda Marfisi Carni, fondata nel 1940, con sede in Abruzzo, ha 120 dipendenti e 30.000 metri quadri di allevamenti. "Siamo tre sorelle e lavoriamo in un ambito prettamente maschile - racconta Anna Marfisi, 32 anni e una laurea in Giurisprudenza - Soprattutto nelle stalle e al macello si legge chiaramente sui volti lo smarrimento di chi ci lavora nel trovarsi davanti un interlocutore donna e giovane. Come si supera? Serietà, impegno, passione e conoscenza di cosa si sta trattando. Molti nostri dipendenti sono fra i 30 e i 35 anni e questo lo riteniamo un valore in un settore nel quale sostenibilità, welfare e gap di genere sono temi scottanti nei quali vogliamo distinguerci".

Coop_Close the Gap_incontro fornitori_Marfisi-2Anna Marfisi, co-titolare della Marfisi Carni

Gala Cosmesi, che produce il marchio di cosmetica ecobio Vivi Verde dal 2012 e sede a Forlì, nasce nel 2004 dal lavoro di tre amici dai tempi dell’Università di Bologna, dedicato alla cosmesi naturale e con materie prime provenienti dal mercato equo sostenibile, con il supporto di Altromercato. Oggi dà lavoro a 33 persone di cui 18 sono donne, mentre il team di ricerca è interamente composto da donne. L’età media è intorno ai 35 anni e nel solo 2020 hanno avuto tre maternità che hanno portato Patrizia a proporre una riduzione di orario per andare incontro alle necessità di tutte. “Ci ha spinto da sempre il coraggio e certamente molta incoscienza - racconta Patrizia Poggiali, presidente Gala Cosmesi - anche se ciò che davvero ci ha sempre motivati è stata la visione, il valore della possibilità di fare qualcosa di utilità sociale”.

Coop_Close the Gap_incontro fornitori_Poggiali_Gala Cosmetici-2
Patrizia Poggiali, presidente Gala Cosmesi

L'azienda ortofrutticola Orsini & Damiani, nata nel 1968 da Filippo Damiani, con lo scopo di coadiuvare e coordinare i produttori del territorio marchigiano e abruzzese; oggi alla guida con Filippo Damiani ci sono le figlie Alessandra - entrata in aziena appena laureata in Economia e Commercio con il doppio ruolo di Responsabile Vendite e di Responsabile del Controllo Qualità - e Laura, che dopo aver conseguito laurea in Lingue e Letterature straniere e aver effettuato un'esperienza lavorativa all'estero assume il ruolo di Direttore di Produzione. Il loro motto è "al di là dei ruoli e delle competenze, l'intesa funziona perché si fonda su solide radici".

Coop_Close the Gap_incontro fornitori_Orsini&Damiani-2Alessandra e Laura Orsini della Orsini & Damiani

Il calzificio VMC Vignoni, che realizza calze e collant moda dal 1957 - con sede tra Mantova e Brescia, ma con tre insediamenti produttivi, tra cui uno all’estero in Slovacchia - impiega 500 addetti e più di tre quarti sono donne. Le donne sono impiegate prevalentemente nella fase successiva a quella meccanica, quindi nelle cuciture, confezionamento e nella tintura. Daniela Vignoni è la nipote del fondatore, una dei soci e segue il commerciale e il marketing, molto attenta alla sostenibilità, tanto da investire 3.500.000 euro in azioni volte al risparmio energia, imballaggi riciclati, controllo scarichi, riduzione di impiego di prodotti chimici e sostituzione con filati alternativi con una componente vegetale o pet riciclato.

Coop_Close the Gap_incontro fornitori_Vignoni_VMC.Calze-2
Daniela Vignoni, direttrice commerciale e marketing della VMC-Vignon 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coop premia la parità di genere, nell'ambito di "Close the Gap - riduciamo le differenze", con storie di imprese al femminile

Today è in caricamento