Venerdì, 23 Aprile 2021
L'app jolly della Figc

"Mitiga", l'app che permette di tornare a partecipare agli eventi in sicurezza e a tifare allo stadio (anche agli Europei di giugno)

"Mitiga" ha come obiettivo quello di favorire la partecipazione agli eventi in sicurezza, consentendo l'accesso esclusivamente agli utenti negativi o vaccinati; l'app dovrebbe anche essere il jolly della Figc per avere 20-25 mila spettatori all'Olimpico in vista degli Europei del prossimo giugno

Il team di Mitiga, da sinistra: Daniele Coccia, Alessandro Michetti e Fabio Traini

Mentre a Barcellona 5.000 spettatori - sottoposti contestualmente al test rapido antigienico - hanno partecipato al concerto del gruppo rock Love of Lesbians al Palau St Jordi, in Olanda 5.000 tifosi hanno assistito alla partita della nazionale contro la Lettonia per la qualificazione ai Mondiali, supportati dall'app CoronaCheck. Tornare ad applaudire, tornare a tifare, tornare a essere pubblico o visitare: è facile immaginare che sarà proprio la tecnologia a supportare questa fase di lento ripristino all'attesa normalità. "Mitiga" è un'app che gioca d’anticipo e ha come obiettivo quello di favorire la partecipazione agli eventi in sicurezza, consentendo l'accesso esclusivamente agli utenti negativi al virus Covid-19, che abbiano effettuato la vaccinazione o che si siano sottoposti con esito negativo a un tampone molecolare o antigenico di terza generazione. "Mitigare" il rischio, dunque. L'app, già presente su sistemi IOS e in attesa di rilascio da Android, dovrebbe anche essere il jolly della Figc per avere 20-25 mila spettatori all'Olimpico in vista degli Europei del prossimo giugno.

Mitiga_-3

Ma come funziona tecnicamente? "L’utente che scarica "Mitiga" - racconta Fabio Traini, ideatore dell'app con Daniele Coccia e Alessandro Michetti - potrà dimostrare il suo status appellandosi a farmacie o laboratori di analisi convenzionati, i quali, una volta effettuato il riconoscimento dell'utente, si occuperanno di registrare nella piattaforma i risultati di un test antigenico rapido, molecolare o la somministrazione del vaccino". Per garantire affidabilità al sistema, non sono ammesse autocertificazioni o certificati rilasciati da enti non convenzionati.

Mitiga-2

La privacy è garantita dal sistema, dato che genera automaticamente un QR Code - univoco e utilizzabile una sola volta - che consente al cittadino la partecipazione agli eventi in un arco temporale limitato, stabilito dai protocolli sanitari, ovvero un anno dalla somministrazione nel caso di utente vaccinato e 24/48 ore dal test effettuato nelcaso di utente negativo.

"L’autorizzazione all’ingresso - continua Fabio Traini - avverrebbe così in maniera totalmente standardizzata e sicura, consentendo l’accesso solo a persone che abbiano registrato nell’app il vaccino o siano risultate negative a un tampone recente e mitigando drasticamente il rischio di contagio tra i partecipanti". I due ingegneri marchigiani sono al lavoro da novembre e l'idea nasce dall'esperienza diretta: "Daniele è ingegnere biomedico e ogni giorno per entrare in sala operatoria deve necessariamente effettuare un tampone; ci siamo dunque chiesti se il modo per tornare in qualsiasi luogo di aggregazione non fosse proprio quello della verifica costante". 

Continua a leggere su Today.it

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mitiga", l'app che permette di tornare a partecipare agli eventi in sicurezza e a tifare allo stadio (anche agli Europei di giugno)

Today è in caricamento