Domenica, 28 Febbraio 2021

Philip Morris inaugura a Taranto il “Digital Information Service Center”, un centro di assistenza digitale ai consumatori

Un investimento fino a 100 milioni di euro in cinque anni e 400 posti di lavoro: ha appena aperto i battenti a Taranto il nuovo "Digital Information Service Center" di Philip Morris Italia, rivolto ai consumatori italiani dei prodotti senza combustione

Un centro dotato dei piu? avanzati e innovativi sistemi di customer relationship management basati su una completa digitalizzazione dei processi e sull’uso delle migliori tecnologie cloud: apre i battenti a Taranto il nuovo "Digital Information Service Center" di Philip Morris Italia, interamente dedicato ai consumatori italiani dei prodotti senza combustione.

Presentato nel corso dell’incontro “Le filiere integrate per il rilancio del Paese”, organizzato in collaborazione con "The European House - Ambrosetti", il nuovo centro sara? gestito da un’azienda leader nel ramo dei servizi digitali al consumatore e impieghera? fino a 400 persone a regime nel 2021. In cinque anni, l’investimento complessivo ammontera? a circa 100 milioni di euro.

Dopo un'iniziale fase di test svolta durante la prima ondata della crisi sanitaria legata alla pandemia di Covid-19, il Philip Morris DISC, che sara? immediatamente operativo, rappresentera? il punto di riferimento dell’azienda per tutte le attivita? di customer care ai consumatori italiani dei prodotti senza combustione. “L’Italia e? stata ed e? centrale nel percorso di trasformazione su scala globale intrapreso da Philip Morris International, al fine di sostituire le sigarette con prodotti innovativi senza combustione - ha commentato Marco Hannappel, Presidente e Amministratore Delegato di Philip Morris Italia. "L’apertura del Philip Morris DISC a Taranto rappresenta un ulteriore passo avanti nella trasformazione del nostro settore - sottolinea Hannappel - e conferma il nostro impegno per sostenere l’occupazione nel nostro Paese”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Philip Morris International si è data l’obiettivo di costruire un futuro senza fumo: eliminare le sigarette, sostituendole con prodotti senza combustione a beneficio di tutti quei fumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare. Per raggiungere questo obiettivo, dal 2008 l’azienda ha investito oltre 7 miliardi di Dollari per sviluppare, testare e produrre valide alternative alle sigarette in due centri di ricerca a Singapore e Neuchâtel, dove lavorano oltre 400 scienziati.

Nel 2019, il 98% degli investimenti in Ricerca e Sviluppo è stato dedicato ai prodotti senza combustione, in crescita rispetto al 72% del 2016. A fronte di una progressiva espansione nella commercializzazione dei prodotti senza combustione, oggi venduti in 61 mercati, sono 11,7 milioni i fumatori adulti nel mondo che hanno abbandonato completamente le sigarette per passare a IQOS, di cui oltre 1 milione in Italia. Perseguendo la visione di un futuro senza fumo, Philip Morris International è impegnata affinché 40 milioni dei propri fumatori adulti passino ai prodotti senza combustione entro il 2025. 

L’Italia è il centro della trasformazione di Philip Morris International, dove il Gruppo opera attraverso una filiera integrata. Complessivamente, l’attività di Philip Morris genera e mantiene ogni anno oltre 7.000 posti di lavoro in Italia, considerando l’impatto occupazionale diretto, indiretto e indotto. 

L’attività della filiera italiana nella produzione dei prodotti innovativi del tabacco da inalazione senza combustione ha reso possibile la stipula di accordi pluriennali di filiera che hanno generato e genereranno significativi investimenti nell’agricoltura italiana, con il coinvolgimento di Philip Morris Italia, del MIPAAF e delle organizzazioni agricole. Gli accordi sottoscritti, rinnovati a ottobre 2019, prevedono il più alto investimento nel settore da parte di un’azienda privata (fino a 500 milioni in 5 anni), finalizzato all’acquisto di tabacco italiano e alla valorizzazione, innovazione e sostenibilità della filiera tabacchicola nazionale, la più importante d’Europa, garantendo un futuro sostenibile per circa 1.000 piccole e medie imprese italiane di eccellenza e 22.500 persone occupate in agricoltura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Philip Morris inaugura a Taranto il “Digital Information Service Center”, un centro di assistenza digitale ai consumatori

Today è in caricamento