Venerdì, 4 Dicembre 2020

Parte "Aurora Experience", un progetto dedicato ai giovanissimi under 20 per affrontare le sfide del futuro

Nell'ambito del programma europeo "Aurora", nasce "Aurora Experience", un percorso formativo da remoto dedicato ai giovani under 20 per sviluppare nuove attitudini e competenze per affrontare le sfide del futuro

Un percorso formativo - rigorosamente da remoto - dedicato ai giovani under 20 per sviluppare nuove attitudini e competenze fondamentali per affrontare le sfide del futuro: è questo l'obiettivo del progetto "Aurora Experience", che nasce nell'ambito del programma europeo Aurora, un progetto di respiro europeo, nato dalla condivisione di saperi e metodi di un’ampia rete di enti e fondazioni che si occupano di imprenditoria giovanile, tra cui Fondazione Homo Ex Machina, Fondazione Golinelli, Junior Achievement Italia e Fondazione Mondo Digitale. 


Il network che ogni anno coinvolge più di 200.000 ragazzi in Europa e lungo le coste del Mediterraneo, ha l'intento di "allenare" gli under20 a uscire dalla propria comfort zone: “In uno scenario economico incerto e pieno di ambiguità - spiega Jacopo Mele, founder di "Aurora" - è importante che i ragazzi sviluppino la capacità di sperimentare, andando costantemente oltre i loro limiti. Se questo allenamento avviene nel periodo più intenso e formativo della loro vita, è più probabile che conserveranno a lungo le attitudini sviluppate”.

"Aurora Experience" è un percorso di formazione modulare e progressivo, interamente fruibile da remoto, pratico e senza barriere tecnologiche, articolato in 3 fasi: la prima è quella della "Consapevolezza", che si acquisisce giocando con "KnackApp", un'applicazione che tramite le tecniche di gamification riesce ad analizzare e a scoprire le tue attitudini personali. I candidati scoprono i punti di forza e le competenze trasversali per sviluppare il proprio potenziale. Partendo da ciò, attraverso una lettera o in un video motivazionale spiegano quali sono le leve che li spingono a esplorare, a migliorare, imparando a dare una cornice ai loro sogni e alle loro passioni. 
Alla lettera (o al video) devono ricevere 10 commenti positivi, mostrando le loro abilità sociali e di creatività relazionale.

Il secondo step è quello del "Coraggio
", attarverso un test multiplo, a seguito del quale devono conquistare due endorsement da parte dei Wizard di Aurora, ovvero i professionisti con cui confrontarsi durante la Fellowship. L'ultima prova è quella del "Gioco di squadra", una escape room, basata su Google Maps e Wikipedia e valutata dal team di esperti di "Aurora". Ogni ragazzo viene inserito in una squadra, senza conoscere gli altri componenti. 
Si sviluppano così acutezza nell'osservare e nel rendersi utili. Si impara come partecipare attivamente in un gruppo, come condividere ciò che si sa e cosa si fare, come essere empatici. Si costruisce un ruolo di valore per sé stessi e per il gruppo.

Alla fine di ogni step il team di "Aurora" riconosce a ogni partecipante un open badge che certifica le skill acquisite, a testimonianza di quanto appreso. Grazie all’Experience, ogni anno sono selezionati i 100 profili più adatti e propone loro l’accesso alla Fellowship, che dura tre anni. “Un programma unico nel suo genere, perché non ha interesse a finanziare un’idea, ma si concentra sul processo di sperimentazione”, commenta Jacopo Mele, founder di "Aurora".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte "Aurora Experience", un progetto dedicato ai giovanissimi under 20 per affrontare le sfide del futuro

Today è in caricamento