Sabato, 27 Febbraio 2021

Cura dei denti e innovazione: nasce "Alfred", una piattaforma per la tracciabilità dei trattamenti

"Alfred​", un progetto a cura di Idi Evolution, è una piattaforma in grado di raccogliere dati e restituire informazioni, generando vere e proprie cartelle cliniche digitali che garantiscono massima trasparenza nei confronti dei pazienti e consentono di tracciare e valutare il lavoro svolto dai professionisti

A quanti è capitato di cambiare dentista e non riuscire ad aver traccia dei trattamenti clinici effettuati precedentemente? La consegna della documentazione delle cure effettuate al paziente è un obbligo deontologico di tutti i dentisti, ma spesso non va in questo modo. Sulla base di questa consapevolezza, nasce "Alfred", una piattaforma in grado di raccogliere dati e restituire informazioni, generando vere e proprie cartelle cliniche digitali che garantiscono massima trasparenza nei confronti dei pazienti e consentono di tracciare e valutare il lavoro svolto dai professionisti.

"Nel 2006 che abbiamo intrapreso un percorso di innovazione - racconta Andrea Piantoni, Chief Innovation Officer di Idi Evoution - per introdurre inediti strumenti digitali nel processo di cura del paziente. Già 15 anni fa abbiamo intuito che l’utilizzo di tecnologie informatiche (e l’analisi dei dati che ne consegue) potesse rivoluzionare il campo odontoiatrico". 

Andrea-Piantoni-2
Andrea Piantoni, Chief Innovation Officer di Idi Evoution

"All’interno degli studi odontoiatrici ci sono generalmente tantissime tecnologie in grado di produrre dati, ma nessuno aveva mai pensato a creare un sistema di archiviazione dei dati su base automatica. Il 95% dei software presenti negli studi sono nativi, invece noi abbiamo deciso di crearne uno di tipo cloud base e multipiattaforma, che non avesse la necessità di essere continuamente aggiornato. Così nel 2019 è nato "Alfred", le cui potenzialità aumentano di giorno in giorno: più dentisti lo utilizzano, più dati si raccolgono".

"Il progetto è nato per risolvere le problematiche del medico e agevolarlo nel suo lavoro - spiega - garantendo allo stesso tempo una maggiore sicurezza e trasparenza nei confronti dei pazienti. Grazie ad Alfred e alla raccolta dei dati generati, siamo stati in grado di definire un piano di trattamento per eseguire un intervento impianto-protesico in maniera efficace, e presto potremo farlo anche per altri tipi di intervento".

Questo significa che grazie ad "Alfred" è possibile fissare degli standard di riferimento e soprattutto tracciare il lavoro svolto dal dentista, valutarne la correttezza, la completezza o eventuali carenze. "Come diretta conseguenza, Alfred si dimostra uno strumento decisivo anche in ambito medico-legale, rendendo molto più trasparente il rapporto dentista-paziente. Vi faccio un esempio per comprendere meglio quello di cui sto parlando: quando andiamo a fare le analisi del sangue, il medico non ci dice semplicemente “Tutto bene, lei è in ottima salute”, ma ci fornisce anche i risultati delle nostre analisi. Ecco, con Alfred noi diamo ai dentisti la possibilità di dimostrare ai loro pazienti la qualità del lavoro svolto, cosa che prima non era possibile".

"Idi evolution" è presente in più di 1700 studi dentistici, sviluppando molteplici strumenti innovativi, tra cui la piattaforma "Km Zero" che comprende il TMM3, uno scanner intraorale e chirurgia guidata: il primo è un motore chirurgico che permette al medico di capire la qualità dell’osso, il secondo è uno scanner che consente al dentista di rilevare digitalmente le impronte, e il terzo è un sistema per la progettazione virtuale dell’intervento chirurgico. Questi tre strumenti, oltre a perfezionare il lavoro odontoiatrico all’insegna dell’evoluzione tecnologica, migliorano la prevedibilità dell’intervento e quindi la comunicazione con il paziente.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cura dei denti e innovazione: nasce "Alfred", una piattaforma per la tracciabilità dei trattamenti

Today è in caricamento