La crescita esponenziale del mercato del gaming e il successo della start-up "Wibo", che porta i quiz a portata di smartphone

In concomitanza del boom del settore dei videogiochi, la startup "Wibo" ha beneficiato di un aumento di capitale da 100mila euro e ha raggiunto in poco tempo diverse migliaia di utenti; attraverso la app il pubblico diventa protagonista del quiz show e interagisce attivamente

Secondo il "Global Games Market Report" della società di analisi di mercato "Newzoo", per la prima volta, nel 2019, i profitti del mercato del gaming sono cresciuti del 9,6% rispetto al 2018. Se il business dei videogiochi ammonta a ben 152 miliardi di dollari, il lockdown ha ulteriormente accelerato il processo di adozione di nuove forme di intrattenimento e ne ha aumentato il consumo.

Questa richiesta degli spettatori è stata il fondamento su cui due ragazzi universitari di Torino hanno costruito "Wibo", una start up innovativa che porta i quiz televisivi sullo smartphone, consentendo a tutti di diventare concorrenti del quiz e vincere un montepremi rispondendo a delle domande in diretta: come in TV, ma su un’app del proprio smartphone e in ogni momento della giornata.

wibo4-2

“L'app inverte il paradigma dell’intrattenimento per cui un’emittente produce il contenuto e l’audience lo subisce in modo passivo: il pubblico diventa protagonista del quiz show e interagisce attivamente”, afferma Tommaso Seita, 22 anni, CEO & cofounder di "Wibo".

Lanciata sugli store Android e iOs a inizio aprile, in pieno lock-down, "Wibo" ha raggiunto in sole due settimane più di 3500 utenti attivi senza svolgere attività di marketing e prevede di raggiungerne 100k entro fine estate. Al momento conta quasi 5 mila giocatori attivi ogni mese, 4000 risposte date alle domande ogni giorno e 38 minuti il tempo medio trascorso da ogni utente in app.

Il team, basato all’I3P, l’incubatore di startup innovative del Politecnico di Torino, è composto da 8 ragazzi con età media di 24 anni e ha chiuso il primo aumento di capitale da 100mila euro. “Sul lungo termine, la vision è rendere l’intrattenimento interattivo, con una piattaforma cross-mediale capace di ospitare numerosi spettacoli interattivi, come talk show, talent e cooking show, presentati da conduttori in diretta streaming, rivolti a target diversificati”, dichiara Alessandro Busso, 21 anni, COO & cofounder di "Wibo".

Wibo founders-2
Tommaso Seita e Alessandro Busso, founders di "Wibo"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo esempio di show televisivo che "Wibo" vuole rivoluzionare è il quiz show: gli utenti si collegano in live a un certo orario della giornata, rispondono alle 8 domande del quiz e, se rispondono correttamente, vincono il montepremi. Similmente a “Chi vuol essere milionario” ma con la differenza che ogni spettatore è allo stesso tempo anche giocatore del quiz, comodamente seduto sul divano di casa o in metro mentre
torna dall’università.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il caldo, quello vero: allerta in 10 città ma il weekend subirà un'irruzione atlantica

  • Angelica Donati, figlia di Milly Carlucci, ottiene una carica istituzionale da record

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 1 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Elezioni regionali 2020: tutti gli ultimi sondaggi e le ultime notizie

  • Uomini e Donne, l'ex tronista Ludovica Valli: "Sto male, analisi costanti ma mi fido dei medici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento