rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Libri

‘Mašen’ka’, di Vladimir Nabokov

L’autore nel 1925 dedicò 'Mašen’ka' (Maria), suo primo romanzo, uscito nel 1926 alla moglie Vera Slonim

«La nota propensione dei principianti a violare la propria vita privata inserendo sé stessi nel loro primo romanzo è dettata, più che dall’attrattiva di un tema già pronto, dal sollievo di sbarazzarsi di sé prima di passare a cose migliori» scrive Nabokov. Ma di che cosa deve «sbarazzarsi» l’autore attraverso Ganin, l’émigré russo che trascina la sua «insulsa indolenza» per le strade di Berlino? Il Nabokov ventiseienne ha capito che occorre lasciarsi alle spalle «i flirt di anni passati». Così, nei quattro giorni in cui aspetta l’arrivo di Mašen’ka, la donna che è stata il suo primo amore, Ganin rivivrà la stagione trascorsa con lei, da adolescente, sullo sfondo della natura fiabesca della Russia perduta.

Mašen’ka
Vladimir Nabokov
Adelphi
ISBN 9788845937132
Pag. 150 – 18,00 €      
     

Nabokov - Adelphi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

‘Mašen’ka’, di Vladimir Nabokov

Today è in caricamento