rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Spettacoli&Tv

Alda D'Eusanio querela "L'Avvenire"

Dopo l'attacco del giornale cattolico nei suoi confronti la conduttrice ha avviato un'azione legale

Non ha lasciato correre Alda D'Eusanio e se dopo mesi la polemica sembrava essersi conclusa, adesso la conduttrice ha deciso di passare alle vie legali. Dopo le parole da lei pronunciate riguardo la vicenda di Max Tresoldi, un ragazzo risvegliatosi dal coma con gravi disabilità ("Questa non è vita" aveva detto), "L'Avvenire" ci era andato giù pesante contro la D'Eusanio scatenando la reazione di tutto il mondo cattolico.

Alda D'Eusanio, che da subito si è sempre difesa, ha depositato una querela penale al Tribunale di Milano contro il quotidiano dei vescovi. "In quell'articolo - ha detto la conduttrice all'Adnkronos - il quotidiano dell Cei mi ha descritta come una indegna di pensare oltre che di parlare. Ci ho riflettuto a lungo prima di sporgere querela, perchè sono cattolica e mi dispiace avviare un'azione legale contro un organo di stampa cattolico. Ma il loro attacco mi ha ferita molto e scriverò una lettera alla Cei spiegando il perchè ho scelto di fare quest querela, un gesto per me molto doloroso".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alda D'Eusanio querela "L'Avvenire"

Today è in caricamento