rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Spettacoli&Tv

Processo a Corona, l'avvocato di Belen risponde: "I soldi in nero li ha fatti solo lui"

L'avvocato della showgirl risponde alle accuse lanciate in aula dall'ex re dei paparazzi

"Non c'è alcun collegamento tra i guadagni 'in nero', che il signor Corona riferisce di aver conseguito, e la persona della signora Belen Rodriguez". È la replica di Marcello D'Onofrio dell'avvocato di Belen alle parole pronunciate in tribunale giovedì mattina da Fabrizio Corona. 

L'ex "re dei paparazzi" - a processo con le accuse di intestazione fittizia dei beni, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e violazione delle norme patrimoniali - aveva chiamato in causa l'ex fidanzata quando gli è stato chiesto di giustificare quel tesoretto di circa un milione e 700mila euro trovato in due cassette di sicurezze in Austria e in alcuni sacchi dell’immondizia murati nella casa della fedele amica e socia Francesca Persi. 

Sono soldi "in nero che vengono tutti da serate, campagne e lavoro e li ho fatti tra il 2008 e il 2012 - ha spiegato Corona - In particolare nel 2009, quando con Belen siamo diventati una coppia mediatica".

Tutto falso secondo il legale della showgirl: "L'immensa notorietà conseguita dalla coppia in quel periodo, a seguito dell'innegabile sovraesposizione mediatica cui era sottoposta, e dalla quale il solo signor Corona ha evidentemente tratto profitto a titolo personale". In breve: Belen non avrebbe avuto alcun vantaggio economico irregolare da quella situazione.

Per il momento Belen non si è esposta direttamente sul caso, ma prossimamente potrebbe testimoniare in aula: la difesa di Corona ha presentato un elenco di testimoni per scagionare l'ex fotografo. Nella lista - 190 nomi in totale - compare anche quello della sua ex fidanzata.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo a Corona, l'avvocato di Belen risponde: "I soldi in nero li ha fatti solo lui"

Today è in caricamento