Biagio Antonacci, chiesti 1 anno e 6 mesi per evasione fiscale

Il cantante è finito sotto processo per una presunta evasione da 3,5 milioni di euro

Biagio Antonacci

Un anno e sei mesi di carcere per Biagio Antonacci. E' la richiesta di condanna presentata dal vice procuratore onorario di Milano nei confronti del cantautore, finito sotto processo per una presunta evasione fiscale da 3,5 milioni di euro realizzata nel quinquennio compreso tra il 2004 e il 2008. 

Nello specifico, Antonacci è imputato per infedele dichiarazione dei redditi perché, come si legge nel capo d'accusa, "attraverso l'interposizione di tre società, le srl italiane Iris e Basta E. M. e la britannica Forum Vision Lyd, sarebbe riuscito nella trasformazione di redditi di lavoro autonomo, soggetti all'aliquota progressiva più elevata, in redditi d'impresa, soggetti ad aliquota proporzionale più favorevole". Tutte "società assolutamente vuote, con un capitale sociale estremamente esiguo, senza nessun dipendente e prive di una propria attività imprenditoriale", ha spiegato nel corso della requisitoria la rappresentante della pubblica accusa. 

Erano "società schermo - ha aggiunto - basate esclusivamente sull'opera intellettuale di Antonacci", il quale vendeva i diritti di spettacoli e concerti alla Iris (società partecipata per l'80% dallo stesso cantautore, per il 10% dal fratello Graziano e per il restante 10% dal padre) che, a sua volta, li rivendeva a clienti terzi. "Le fatture successivamente emesse - ha insistito la Vpo - erano estremamente esigue: basti pensare che Antonacci ha ricevuto appena 3 mila euro per un concerto a San Siro". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'indagine è anche emerso che il cantautore si serviva di queste società per scaricare tutte le proprie spese personali: "E' titolare di una carta di credito intestata alla Iris utilizzata, ad esempio, per l'acquisto di un gommone e per un quadriciclo elettrico". E' insomma soprattutto grazie all'interposizione fittizia di queste tre società"che Antonacci conduceva uno stile di vita molto alto e decisamente sproporzionato rispetto ai redditi effettivamente dichiarati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi martedì 11 agosto 2020: numeri vincenti

  • Tour de France 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 8 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Lotto oggi, estrazioni di giovedì 13 agosto. SuperEnalotto e 10eLotto, numeri vincenti

  • Belen e Stefano, piovono critiche su Ilenia Lazzarin. Lei: “Mai messo bocca sulla loro relazione”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento