Sabato, 24 Luglio 2021
Spettacoli&Tv

Blue Whale, Matteo Viviani ammette: "I video delle Iene erano falsi"

Il servizio-denuncia documentava con interviste e immagini forti il terribile gioco che spingerebbe i giovanissimi al suicidio

Matteo Viviani

Nelle ultime settimane non si è parlato d'altro. Il servizio choc delle Iene sul Blue Whale, il drammatico gioco virale nato in Russia che spingerebbe i giovanissimi ad affrontare una serie di prove estreme fino al suicidio, ha scosso l'Italia intera e alzato un vero polverone. Interviste a mamme russe che avevano perso i loro figli e immagini sconcertanti, così Matteo Viviani ha raccontato il challenge dell'orrore, sdoganando di prepotenza il macabro fenomeno anche nel nostro Paese.

Intervistato da Selvaggia Lucarelli per Il Fatto Quotidiano, però, la Iena ha rivelato che i video del servizio erano falsi: "Me li ha girati una tv russa su una chiavetta e ammetto la leggerezza nel non aver fatto tutte le verifiche, ma erano comunque esplicativi di quello di cui parlava il servizio". 

Sul meccanismo di emulazione che potrebbe aver innescato il servizio, Viviani si difende: "Ieri sono andato in una classe e ho chiesto quanti conoscessero il Blue Whale prima del mio servizio. La metà degli alunni ha alzato la mano. Noi adulti ignoriamo parte del web, specie quella popolata dai giovanissimi. La polizia ha salvato una ragazzina che era quasi al cinquantesimo (e ultimo) giorno del gioco, quindi aveva iniziato prima della puntata". Il suo servizio sul Blue Whale, dunque, non avrebbe creato nessun danno, anzi il contrario: "Non posso praticare l'omertà su un argomento - ha spiegato deciso - e se ho contribuito a salvare anche una sola persona, il mio è stato un lavoro prezioso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blue Whale, Matteo Viviani ammette: "I video delle Iene erano falsi"

Today è in caricamento