Giovedì, 25 Febbraio 2021

Paolo Brosio: "Giuste unioni civili, ma il Papa dica che non sono come il matrimonio tra uomo e donna"

Il giornalista, che nei prossimi giorni entrerà nella Casa del Grande Fratello Vip, commenta così le dichiarazioni di Bergoglio sui diritti delle coppie omosessuali

Paolo Brosio

Dopo le urla di giubilo della comunità Lgbt, anche dal mondo cattolico arrivano i primi commenti alle dichiarazioni di Papa Francesco sui diritti delle coppire omosessuali. A dire la sua Paolo Brosio: "Le unioni civili sono già disciplinate dal Codice Civile ma il Papa si deve pronunciare su una cosa molto importante: dal punto di vista legale le unioni civili devono essere equiparabili al matrimonio cristiano, alla famiglia naturale? Perché se fosse così allora sarebbe completamente diverso da quello che c'è scritto sul Vangelo, sull'Antico Testamento perché tutto è basato sulla procreazione".

Papa Francesco approva le unioni civili, Imma Battaglia alza il tiro: "Benedici me ed Eva"

Così il giornalista all'Adnkronos dopo l'apertura di Bergoglio alle unioni civili: "Se non si chiarisce questo aspetto si crea un'equiparazione legale tra coppie omosessuali e coppie eterosessuali e i giudici potrebbero, in un riscorso ad esempio, concedere legalità alla così detta pratica della maternità surrogata e dell'utero in affitto. Questo avrebbe conseguenze deleterie dal punto di vista etico! La donna diventa una sorta di market delle nascite, una donna schiava a cui viene strappato il bambino appena partorisce, bambino che non vedrà mai più. Se questo è quello che vuole il Papa io rabbrividisco - spiega - ma conoscendolo non penso che sia così. É giusto riconoscere i diritti degli omosessuali, le unioni civili già esistono, ma non possono essere equiparate a un matrimonio tra uomo e donna. Il Papa lo deve dire sennò lo dico io! Se non viene detto il rischio è che le unioni civili diventino un trampolino per le alchimie della maternità surrogata".

Paolo Brosio al Gf Vip

Nei prossimi giorni Paolo Brosio entrerà nella Casa del Grande Fratello Vip. L'ingresso del giornalista non è avvenuto nella prima puntata del reality - tantomeno nelle scorse settimane - a causa del covid, ma ora fa sapere che sta bene: "La mia partecipazione è imminente, o lunedì prossimo o al massimo venerdì della prossima settimana. Sono ancora a Frascati in convalescenza, sto bene e sono pronto a passare dal reparto di malattie infettive a quello neuropsichiatrico - dice ironico - Sono contento perché ho saputo che entrerà o con me o dopo anche il mio amico della Versilia Stefano Bettarini. 

Sul motivo che lo ha spinto ad entrare al 'Gf Vip' Brosio spiega: "Innanzitutto lo faccio per vivere un'esperienza professionale nuova in prima persona che poi vorrei descrivere in un libro e anche per beneficenza. Ho infatti attivato una raccolta fondi per il pronto soccorso di Medjugorje ed in Italia per le famiglie in difficoltà post covid grazie a un sms solidale, il 45527, donato dalla Nazionale italiana cantanti con la collaborazione dell'Atalanta e dell'Hellas Verona calcio".

Paolo Brosio al Gf Vip, il video dall'ospedale: "Finito l'incubo"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paolo Brosio: "Giuste unioni civili, ma il Papa dica che non sono come il matrimonio tra uomo e donna"

Today è in caricamento