rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Spettacoli&Tv

Bruno Vespa su Twitter smentisce Wikipedia: "Non sono morto"

Il giornalista inaugura il suo account sul social network smentendo la falsa notizia riportata sull'enciclopedia online che lo dava per morto a Milano il 29 gennaio 2013

Bruno Vespa non è morto.

Il giornalista ha fatto il suo esordio su Twitter smentendo Wikipedia che lo avrebbe dato per morto il giorno prima: "Festeggio oggi su Twitter la mia sopravvivenza in barba a Wikipedia che mi volle defunto ieri a Milano", ha scritto il conduttore di "Porta a Porta" dal suo account @VespaBruno. 

Ecco come Bruno Vespa ha descritto la vicenda con un risvolto "giallo": 

"Il bello è che quando mi è stato segnalato 'l'errore', chiamiamolo così, dall'ufficio stampa della Rai mi trovavo effettivamente a Milano. Ho voluto aspettare ovviamente la mezzanotte prima di commentare e oggi ne approfitto per debuttare finalmente su Twitter 'seppellendo' così i troppi finti Bruno Vespa che affollano il web. Io l'ho presa con leggerezza ma forse vale la pena di fare una osservazione più seria. Quante persone sapevano che ieri mi trovavo davvero (e per poche ore) a Milano? Questo segnale di morte così preciso era uno scherzo o un avvertimento? Come è possibile possibile intervenire con tanta facilità su una delle più note enciclopedie del web senza alcun controllo? Di questo chiederò conto direttamente a Wikipedia, mentre c'è materia di indagine per la Polizia postale".

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruno Vespa su Twitter smentisce Wikipedia: "Non sono morto"

Today è in caricamento