rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Spettacoli&Tv

Che fine ha fatto il bambino di "Piccola Peste"

Si chiama Michael Oliver, è nato nel 1981, ed è scomparso dai riflettori

Michael Oliver è uno dei tanti bambini prodigio di Hollywood di cui si sono perse le tracce una volta diventato grande. Il suo nome non vi dice niente?

Era il bambino dai capelli rossi, i denti larghi e il carattere pestifero di “Piccola Peste” (“Problem Child” in inglese), protagonista di una serie di film per ragazzi di successo negli anni Novanta. Dal 1990 al 1995, da “Piccola Peste” a “Piccola Peste torna a far danni”, Michael Oliver (il cui vero nome è Michael Olivierus, classe 1981) fu decisamente famoso. Debuttò a soli due anni come modello per un catalogo pubblicitario, spinto dai genitori che volevano farne una piccola star. A sei il primo “ruolo”, in uno spot televisivo per la Chevron Corporation (doppiato).

A nove anni sbaraglia tutti ai casting per “Piccola Peste” di Dennis Dugan. Praticamente un Pierino a stelle e strisce. I critici storcono il naso, e a ragione, ma il pubblico infantile apprezza, tanto che dopo un po’ arriva pure l’inevitabile sequel, nel quale il protagonista trova un’amichetta ancora più pestifera di lui.

Dopo questo film, la Universal denunciò la madre di Oliver per estorsione, la quale avrebbe minaccia la casa di produzione di non far partecipare suo figlio al sequel se il suo compenso non fosse passato da 80mila dollari a 500mila. Le parti si accordarono per 250mila ma il contratto fu dichiarato non valido da una sentenza della Corte Superiore e la donna fu costretta a restituire alla Universal 170mila dollari.

Dopo aver partecipato a un altro film, “Dillinger and Capone” nel 1995 e aver recitato in un paio di episodi di serie tv, Michael Oliver ha lasciato il cinema e ora lavora come membro della crew di due gruppi musicali

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Che fine ha fatto il bambino di "Piccola Peste"

Today è in caricamento