rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Spettacoli&Tv

"Nymphomaniac" e "La vie d'Adèle": il sesso c'è ma è finto!

Controfigure, genitali finti e tanto computer: ecco il segreto dei due film-scandalo

Si fa un gran parlare delle scene di sesso esplicite e realistiche del film "La vie d'Adèle" che ha conquistato la Palma d'Oro al Festival di Cannes e cresce l'attesa per il controverso "Nymphomaniac" di Lars von Trier.

Le due pellicole hanno in comune una rappresentazione del sesso senza tabu e finzioni (in un'epoca in cui gli stessi produttori cinematografici hanno deciso di cancellare nudità e morbosità per poter raggiungere mercati sempre più ampi) ma The Hollywood Reporter ha svelato il trucco dietro i due film-scandalo: per le scene più intime sono state utilizzate controfigure e protesi.

Il produttore Louise Vesth ha spiegato che in "Nymphomaniac" gli attori Charlotte Gainsbourg, Stellan Skarsgard, Shia LaBeouf, Jamie Bell e Uma Thurman non si mostreranno mai senza veli. "Lars von Trier ha girato le scene due volte: la prima con i divi che fingono di fare sesso e la seconda con delle controfigure che lo fanno realmente. Poi, grazie al computer, sarà possibile unire le due metà, sopra la cintola e sotto la cintola...".

Le scene più hot del cinema

Stesso discorso per "La vie d'Adèle". A rivelare i retroscena è stata la protagonista Lea Seydoux, che non ha mai nemmeno sfiorato l'altra protagonista Adele Exarchopoulos nelle scene più esplicite: "Non ci siamo mai toccate. Di sicuro non in basso... Per quello abbiamo usato delle parti genitali finte, fatte con una sorta di muffa costruita in uno studio di effetti speciali. Ce la applicavano tutte le mattine, servivano un paio d'ore di lavoro. L'effetto è molto realistico, ma il fatto che fosse tutto finto ha reso quelle scene poco piacevoli...". 

Amore tra donne ne "La vie d'Adèle" a Cannes 2013

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nymphomaniac" e "La vie d'Adèle": il sesso c'è ma è finto!

Today è in caricamento