Claudio Amendola su Salvini: "Non voglio far parte di un Paese che chiude i porti"

L'attore romano commenta le politiche sull'immigrazione del nuovo governo giallo-verde e, in particolare, del ministro dell'Interno, Matteo Salvini

Claudio Amendola

Il mondo del cinema e dello spettacolo non resta in silenzio davanti alle politiche sull'immigrazione che sta portando avanti Matteo Salvini. Se da una parte c'è chi si schiera al fianco del Ministro dell'Interno leghista, come Claudia Gerini, dall'altra c'è chi invece è assolutamente contrario.

Riccardo Scamarcio difende Salvini: "Non è un governo razzista"

Dopo il tweet di Fabio Fazio, è Claudio Amendola a tuonare: "Non voglio far parte di un Paese che chiude i porti". L'attore, ospite di una manifestazione presso il Porto Turistico di Roma a Ostia, ha commentato la vicenda senza peli sulla lingua. Il video integrale su RomaToday.

Dopo la proiezione del suo film 'Il permesso - 48 ore fuori', dal palco allestito davanti al maxi-schermo, l'attore e regista romano ha detto: "Salvini sta dando voce a un sentimento che è più lontano da me di qualunque cosa voi possiate pensare, ma vedo che è un sentimento che purtroppo fa proseliti e che cresce in Italia. Ho intuito che Salvini cavalcava delle sensazioni che sono facili, sono naturali nell’uomo, sono semplici da portare avanti. Io credo che stiamo perdendo di vista la nostra indole, che è quella di un Paese con quattromila chilometri coste, siamo 'partenti' e siamo 'arrivanti'. Non possiamo nascondere questa nostra antichissima tradizione: siamo un popolo di mare. Anche chi vive in Padania in qualche modo è un mezzo marinaio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutti noi - ha aggiunto - dobbiamo avere un pochino di coscienza e un pochino di paura, di non lasciare andare questo meraviglioso Paese in una deriva che non ci appartiene e non ci è mai appartenuta, credo sia il momento di risvegliare delle coscienze un po' troppo sopite. Forse se siamo uno dei pochi Paesi europei a non aver mai fatto una vera rivoluzione è proprio perché ogni tanto ci mettiamo seduti e lasciamo che le cose passino e forse questa cosa qua invece non deve passare. Non lo dico per ideologia, lo dico per umanità. Io non sono credente, ma lo dico per umanità cristiana: non voglio far parte di un Paese che chiude i porti e lo voglio dire da qua (dal Porto di Roma, ndr)". Un intervento ripetutamente applaudito dal pubblico che ha affollato l'arena di Ostia, che andrà avanti tra proiezioni e dibattiti fino all'8 settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: un 5stella vince 1.952.527 euro

  • Nuovo Dpcm, ci siamo (quasi): le regole in vigore dal 10 agosto, cosa cambia per gli italiani

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 8 agosto 2020

  • Amadeus e Fiorello inseparabili: eccoli in vacanza con le mogli prima di Sanremo 2021

  • Il cambiamento di Gianni Sperti: “Superare il pregiudizio è stata la vittoria più grande”

  • Belen e Stefano, piovono critiche su Ilenia Lazzarin. Lei: “Mai messo bocca sulla loro relazione”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento