Martedì, 20 Aprile 2021
Stati Uniti d'America

Torna 'Rocky IV': Stallone annuncia la riedizione

In occasione del 35° anniversario dall’uscita nei cinema il celebre film tornerà a nuova vita con una director’s cut curata dallo stesso Stallone

Rocky IV, 1985

Un’ottima notizia per tutti i milioni di fan di Silvester Stallone e in particolare della saga dedicata al pugile di origini italiane Rocky Balboa.
Lo stesso Stallone ha fatto sapere in questi giorni tramite il suo profilo Instagram che sta rimontando il quarto capitolo della fortunata saga:  “Per il 35° anniversario di Rocky 4 sto lavorando a una nuova versione rimontata da me. Finora sembra fantastico. Pieno di sentimento. Ringrazio la MGM per questa opportunità” le sue parole preannunciano un film davvero indimenticabile e già i fan, che in massa hanno risposto al suo annuncio, sono in fibrillazione, curiosi di vedere questa nuova versione.

Il capitolo più amato

Rocky è la celebre saga sportiva sul pugilato scritta, diretta e interpretata da Silvester Stallone. Il primo film uscito nel 1976 fu seguito da altre quattro pellicole girate dal ’79 al ’90 e un ultimissimo capitolo del 2006. Rocky IV probabilmente è il capitolo che maggiormente è rimasto impresso nell’immaginario collettivo, anche per la celebre battuta pronunciata dal terribile sfidante Ivan Drago: “Io ti spiezzo in due”. Il quarto film, per chi non lo ricordasse, è l’episodio in cui Rocky Balboa, forte del suo titolo di campione mondiale dei pesi massimi e col cuore gonfio di dolore per la morte dell’amico Apollo Creed (Carl Weathers) avvenuta sul ring per mano dello sfidante russo, vola a Mosca per combattere contro Ivan Drago (Dolph Lundgren) detentore della medaglia d’oro olimpica. Un film che arriva in piena Guerra Fredda e porta sul ring le due parti opposte per eccellenza USA e URSS, in uno scontro che non è solo fisico ma anche ideologico: il sogno americano che si oppone alla dittatura sovietica. La libertà e la forza di volontà americana contro il freddo calcolo sovietico sono ottimamente simboleggiate nei due modi opposti in cui i due campioni si allenano: Rocky Balboa immerso nella natura, spaccando legna e Ivan Drago in palestra utilizzando sofisticati apparecchi computerizzati. Il film si conclude con un rivoluzionario (per quei tempi) messaggio di pace.

Un cult movie per intere generazioni

Una pellicola indimenticabile amata da intere generazioni che uscì nelle sale americane il 27 novembre 1985 (in Italia arrivò il 30 gennaio successivo) che ha incassato in tutto il mondo 300 milioni di dollari conquistando fan e diventando il film sportivo con maggiori incassi, record imbattuto fino al 2009 con il film The Blind Side (sulla vita del giocatore di futball americano Michael Oher arrivato in Italia con anni di ritardo sulla piattaforma Mediaset Premium e in dvd).

Sly non si è lasciato sfuggire altre indiscrezioni se non che sarà tagliata ogni parte del film in cui compare il robot che Rocky regala al cognato Paulie (Burt Young). “Il robot finirà per sempre da uno sfascia carrozza. Basta con i robot" afferma Stallone, che sia l’intento di rafforzare quel messaggio anti-dittatoriale che già traspariva nel film?

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna 'Rocky IV': Stallone annuncia la riedizione

Today è in caricamento