Domenica, 1 Agosto 2021
Consigli streaming

Azione + viaggi nel tempo + amore: perché vedere The Tomorrow War su Prime Video

La recensione del film con Chris Pratt e Yvonne Strahovski

The Tomorrow War, dal 2 luglio in esclusiva su Prime Video

Venerdì 2 luglio è uscito su Amazon Prime Video The Tomorrow War - La guerra di domani, film con Chris Pratt, "Guardiano della galassia" e genero (intimorito) di Arnold Schwarzenegger, e con Yvonne Strahovski, la Serena Waterford di The Handmaid's Tale, qui alle prese con un ruolo decisamente più positivo.

Chris Pratt ha paura di imitare il suocero Arnold Schwarzenegger: il video

Se state cercando un film da guardare su Prime, The Tomorrow War potrebbe essere la scelta giusta. Per chi cerca una recensione brevissima, allora diciamo che consigliamo La Guerra di domani per come riesce a dosare i suoi ingredienti fondamentali, e cioè l'azione, i sentimenti e i viaggi nel tempo. Per chi invece ha bisogno di qualche dettaglio in più, ecco un po' di informazioni su The Tomorrow War e i motivi per cui ne suggeriamo la visione.

The Tomorrow War, di cosa parla il film su Prime Video

È il 18 dicembre 2022, in tv tutti stanno guardando la finale dei mondiali di calcio Qatar 2022 (una squadra sembrerebbe il Brasile, l'altra non è chiara: tra un anno e mezzo verificheremo la profezia). A un certo punto l'attaccante brasiliano Paz si invola verso la porta avversaria, quando all'improvviso sul campo si apre un misterioso varco, da cui escono dei soldati con un messaggio per l'umanità.

I soldati dicono di arrivare da trent'anni nel futuro, e di aver viaggiato nel passato al fine di chiedere l'aiuto "dei nostri genitori e dei nostri nonni" per combattare contro gli alieni chiamati "idre bianche" che, nel 2051, hanno praticamente sterminato quasi completamente la razza umana.

Se cercate un film di fantascienza, su Prime Video c'è il nuovo Chaos Walking 

Inizia così il reclutamento di uomini e donne del presente: prima i militari addestrati, poi, man mano che la battaglia prosegue e le perdite di vite aumentano, anche persone più o meno comuni. Tra queste c'è Dan Forester, ex soldato che ha combattuto in Iraq e che ora insegna scienze in un liceo, dopo aver visto sfumare il suo sogno di lavorare in un importante laboratorio.

Dan viene quindi assoldato per andare nel futuro. Dopo aver parlato con la moglie Emmy (Betty Gilpin), prova a farsi togliere il bracciale installatogli con l'aiuto del padre James (J.K. Simmons, che bissa un ruolo simile a quello di Invincible), complottista che vive in un hangar e che ha un rapporto complicato con il figlio. Ma poi decide di prendere parte alla missione, anche per dare letteralmente un futuro alla figlia Muri (Ryan Kiera Armstrong). 

Dan va quindi nel futuro, e dopo un viaggio traumatico (per usare un eufemismo) si trova catapultato in uno scenario di guerra, costretto subito a rinrescare le sue reminiscenze di soldato e a guidare dei compagni di avventura più o meno improvvisati. Il nemico dispone di un vasto esercito di esseri tremendi in ogni senso, quasi invulnerabili e veri e propri degustatori di esseri umani; ma per dare speranza di sopravvivenza al genere umano bisognerà trovare il modo di sconfiggerli una volta per tutte.

Ci fermiamo qui per evitare spoiler, ecco comunque il trailer su YouTube di The Tomorrow War

La curiosità per gli "esperti": come funzionano i viaggi nel tempo del film

Almeno dai tempi di Ritorno al futuro, qualunque film o serie tv che parli di viaggi nel tempo viene scrupolosamente esaminato dagli "esperti" di paradossi temporali, linee alternative e buchi più o meno evidenti nelle trame e nelle interazioni tra persone.

Per quanto riguarda The Tomorrow War, due sono gli elementi fondamentali della trama su questo aspetto. Il primo riguarda le modalità stesse del viaggio nel tempo, consentito da una sorta di "tunnel mobile" nella linea del tempo, con un varco lungo circa trent'anni: per questo motivo non ci si può spostare a piacimento tra passato e futuro, ma sempre attraverso questo "wormhole" (letteralmente buco fatto da un verme) che viaggia parallelo al continuum spazio temporale. Ciò significa che, ogni giorno che passa, il tunnel si sposta di un giorno, permettendo quindi di viaggiare sempre e solo verso la stessa distanza temporale di circa trent'anni (e quindi non è possibile ricombattere battaglie già concluse).

Il secondo aspetto di interesse per gli aspiranti viaggiatori del tempo riguarda invece il modo in cui vengono evitati (quasi tutti) i paradossi derivanti dagli incontri tra persone. In sostanza, come nota un personaggio, dal futuro sono arrivati quasi solo ragazzi con meno di 30 anni, che quindi non sono ancora nate nel presente: in questo modo, non possono incontrare se stessi e causare paradossi vari o addirittura futuri paralleli.

Viaggi nel tempo e Black Lives Matter, ecco perché vedere See you yesterday su Netflix

Perché vedere il film La Guerra di domani

A proposito di ragazzi, l'impressione che si ha vedendo The Tomorrow War è quella di assistere a un concerto di una band di giovani, talentuosi ma forse ancora un po' acerbi musicisti.

Come sa chiunque abbia assistito a un concerto di gruppi emergenti, c'è un elemento che li accomuna, e sono i volumi delle voci e degli strumenti: in pratica, durante il soundcheck ogni membro della band è preoccupato che i propri suoni non vengano sentiti bene, e così mette al massimo tutti i volumi. Il risultato alla fine è un suono sicuramente pieno, forse un po' troppo, ma se i musicisti sono capaci l'esperienza è comunque positiva.

Con questo film succede una cosa per certi versi simile. Tutti gli elementi - le scene d'azione, l'enfasi sui sentimenti, le difficoltà del protagonista, le scelte difficili, la ferocia dei nemici - sono carichissimi, con il "volume al massimo". A parte un inizio soft, il film diventa quindi una storia dai ritmi serratissimi, che non lascia tregue neanche quando sembra che ci si possa rilassare un attimo.

Per certi versi, quindi, The Tomorrow War può risultare "pesante", con una tensione costante difficile da sostenere. Ma la storia che racconta e il modo in cui gli attori e il regista la portano avanti ne fanno comunque un film da vedere assolutamente, senza se e senza ma, colpo di scena dopo colpo di scena. A meno che, ovviamente, si sia alla ricerca di un film tranquillo da guardare sonnecchiando o chiacchierando con gli amici: c'è un pianeta da salvare, non c'è tempo da perdere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Azione + viaggi nel tempo + amore: perché vedere The Tomorrow War su Prime Video

Today è in caricamento