rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cinema

Top Gun: Maverick, un grande spettacolo per un sequel che non delude

Esce il 25 maggio nelle sale italiane Top Gun: Maverik, l’atteso sequel del film cult che lanciò Tom Cruise nell’Olimpo di Hollywood

L’attesa è finita. Top Gun: Maverick arriva nelle sale in Italia il 25 maggio, con due giorni di anticipo rispetto all’uscita prevista negli Stati Uniti. Il pubblico italiano sarà tra i primi a scoprire la nuova avventura dell’ormai capitano Pete ‘Maverick’ Mitchell incarnato ancora da Tom Cruise. Nel cast rivedremo anche Val Kilmer nei panni di ‘Iceman’ Kazanski e Jennifer Connelly, insieme al cast dei giovani top gun guidati da Miles Teller, nel ruolo di Rooster, vero coprotagonista di questo secondo capitolo.

Top Gun: Maverick, la trama

Sono passati molti anni dalle vicende raccontate nel film cult di Tony Scott del 1986 e ritroviamo Pete ‘Maverick’ Mitchell ancora intento a volare. Ha scelto di non fare carriera perché questo avrebbe voluto dire finire dietro una scrivania e così, nonostante le medaglie e i riconoscimenti, ha conquistato solo il grado di capitano. Della passata gioventù, oltre alla passione per l’aeronautica, è rimasta anche l’audacia e la capacità di far irritare i superiori. 

Quando arriva l’ordine di recarsi nella base di addestramento dei Top Gun con il compito di insegnare ai migliori piloti della marina come affrontare una missione a rischio altissimo, Maverick si ritrova costretto ad affrontare il passato. Tra gli allievi infatti, c’è Bradley ‘Rooster’ Bradshaw, il figlio di ‘Goose’, suo compagno di volo, morto durante una missione con Maverick, nel momento più drammatico del primo Top Gun, quando il giovane era ancora un bambino. 

Top Gun: Maverick, un grande spettacolo per godere della magia del cinema

Imbarcarsi nell’impresa di un sequel di un film di successo, anzi, di un vero e proprio cult, in genere è una scelta che non paga. Il rischio di deludere i tanti fan affezionati all’opera prima è altissimo. Forse, anche per questo, oltre a tutto il resto, la gestazione di Top Gun: Maverick è stata così lunga, e l’impresa più volte rimandata. Ora che arriva nei cinema di tutto il mondo, possiamo dire che i fan del primo Top Gun non rimarranno delusi, né rimarrà deluso chi non ha visto il primo film.

Tom Cruise ha dichiarato che uno dei motivi per cui il progetto è stato più volte rimandato, è che gli autori cercavano una storia davvero buona che giustificasse il sequel.

E la storia c’è. L’incontro, lo scontro e il confronto tra Maverick e Rooster, il figlio di Goose, che somiglia in modo impressionante al padre, piacerà a chi ha amato il primo Top Gun. Ma la forza del film è, per molta parte, nel grande spettacolo che il pubblico potrà godersi ammirando sul grande schermo il risultato delle rivoluzionarie riprese delle acrobazie aeree.
Delle più di due ore di film, che scorrono veloci e conivolgenti, grazie alla tecnologia di ultima generazione, lo spettatore ne passerà la maggior parte a bordo degli F18, accanto a Maverick e alla sua squadra di giovani assi dell’aeronautica.

Da questo punto di vista Top Gun 2 regala un’esperienza totalmente immersiva, che lo rende un titolo imperdibile per gli amanti dell’adrenalina e dell’azione pura.

Il tasso di spettacolarità è altissimo, e anche chi andrà al cinema più attratto dalla storia che è alla base della trama del film o curioso di vedere il sequel di un film che ha amato, non potrà che uscire divertito e sbalordito dalle incredibili scene che raccontano il duro training in volo a cui Maverick sottopone i suoi giovani piloti, e da quelle della rischiosissima ‘missione impossibile’ che viene affidata loro.

Questo film piacerà a tutti. I fan affezionati al primo Top Gun non rimarranno delusi dallo sviluppo della storia e dal personaggio protagonista, che mantiene tutti i suoi caratteri distintivi, quelli che lo hanno reso tanto amato. Potranno anche ritrovare il personaggio di ‘Iceman’ Kazinski, interpretato ancora da Val Kilmer, in una lunga scena che è centrale per il film e particolarmente emozionante per il pubblico.

Il fatto che nella storia sia fondamentale il personaggio di Rooster e il ruolo dei suoi giovani e rampanti colleghi, allontana il film dal rischio di calcare troppo la mano sull’effetto nostalgia. Così, sebbene Top Gun:Maverick, sia inevitabilmente percorso da rimandi al primo film, ha una fisionomia totalmente propria, e quindi fruibile anche da chi non conosca l’originale di Tony Scott.
Questo film è un grande e godibile spettacolo, il cinema nella sua essenza di intrattenimento, il cinema che sfrutta tutta la tecnologia che oggi è a disposizione dell’industria audiovisiva, ma la innesta sull’essenza di ogni bel film: una bella storia, ben pensata, ben scritta e ben recitata, capace di coinvolgere ed emozionare lo spettatore.

Voto: 8

top-gun-2-locandina (1)-2

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Top Gun: Maverick, un grande spettacolo per un sequel che non delude

Today è in caricamento