Lunedì, 27 Settembre 2021
Spettacoli&Tv

Fabrizio Corona resta in carcere. Il Tribunale: "Unica misura adeguata"

Tenuto conto del curriculum giudiziario, l'ex re dei paparazzi potrebbe tornare in libertà non prima del 2022

Revoca dell'affidamento terapeutico per Fabrizio Corona che dovrà restare in carcere. Il Tribunale di sorveglianza di Milano ha annullato il programma di affidamento al quale Corona era stato assegnato. I giudici hanno accolto la richiesta avanzata martedì scorso dall’Avvocato generale Nunzia Gatto. La revoca riguarda gli ultimi 5 mesi, a partire dal 26 novembre scorso, quando lo stesso Tribunale di sorveglianza aveva concesso l’affidamento terapeutico. Cinque mesi che quindi Corona dovrà scontare nuovamente, questa volta dietro le sbarre.

Quanti anni deve scontare Fabrizio Corona

Tenuto conto del curriculum giudiziario, l'ex re dei paparazzi potrebbe tornare in libertà non prima del 2022. Più che i vari rientri a casa oltre l'orario stabilito dalla prescrizioni, a pesare maggiormente contro Corona sarebbero state le sue stesse dichiarazioni rese in tv. I suoi legali Andrea Marini e Antonella Minieri avevano chiesto un nuovo affidamento terapeutico con una serie di restrizioni, tra cui la frequentazione costante di una comunità. Richiesta oggi 'bocciata'.

Per il Tribunale di Sorveglianza di Milano il carcere è l'unica misura adeguata per Fabrizio Corona. E dietro le sbarre potrebbe restarci fino al 2022. I giudici, che gli hanno annullato il programma di affidamento, hanno di fatto accolto la linea sostenuta dall'avvocato generale Nunzia Gatto, numero due della Procura generale, che nell'udienza di martedì scorso aveva sostenuto che Corona ha "deliri di onnipotenza", partecipa ai programmi televisivi "solo per insultare e fare risse" e all'ex fotografo dei vip "sono state concesse tutte le chance". La Sorveglianza ha 'bocciato' la richiesta dei difensori Andrea Marini e Antonella Minieri di un nuovo affidamento terapeutico con una serie di restrizioni, tra cui la frequentazione costante di una comunità. Respinta anche la proposta dell'Uepe di modulare, con un inasprimento dei controlli, il programma di affidamento. I giudici - nel provvedimento di nove pagine - riconoscono inadeguato il nuovo progetto terapeutico e ritengono che ci sia stato un peggioramento delle condizioni di Corona dopo la concessione lo scorso novembre dell'affidamento.

A pesare anche l'intervento contro Fogli all'Isola

Il carcere, non incompatibile con un presunto disturbo della personalità, è l'unica soluzione possibile. La revoca di oggi riguarda gli ultimi 5 mesi, a partire dal 26 novembre scorso, quando lo stesso Tribunale di sorveglianza aveva concesso l'affidamento terapeutico. Cinque mesi quasi che quindi Corona dovrà scontare nuovamente, questa volta dietro le sbarre. (segue) A pesare nella decisione del Tribunale della Sorveglianza il suo intervento contro il cantante Riccardo Fogli all'Isola dei Famosi, le dichiarazioni fatte in una puntata di 'Non è l'Arena' sull'affidamento in prova e le affermazioni come "Rifarei tutto, Fabrizio Corona non cambia mai, morirà così" rese a Telelombardia pochi giorni prima di tornare dietro le sbarre.

In tutto Corona deve scontare 6 anni e 7 mesi di carcere, che si ridurranno a circa 3 anni con i benefici penitenziari concessi ai detenuti. Se sarà così, l'ex re dei paparazzi potrebbe tornare in libertà non prima della fine del 2022. Su un altro periodo dell'affidamento, tra il febbraio e il novembre scorso, pende un ricorso della procura generale in Cassazione. Se fosse accolto, il periodo dietro le sbarre per Corona, rientrato a San Vittore lo scorso 25 marzo, potrebbe ulteriormente allungarsi.

Parla l'avvocato di Corona: "Lui prova a migliorare, ma tutto è dovuto alla sua natura" 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabrizio Corona resta in carcere. Il Tribunale: "Unica misura adeguata"

Today è in caricamento