rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Spettacoli&Tv

L'idea dei grillini: "Rai pubblichi i costi dei programmi nei titoli di coda"

La proposta del presidente della Commissione di vigilanza Roberto Fico, dopo la presa di posizione di Grillo sullo stipendio di Fabio Fazio

ROMA - Prima #OccupyRai per dire che "i giornalisti sono maggiordomi" e chiedere spiegazioni sullo stato dell'informazione pubblica, poi le scaramucce con Fabio Fazio sul caso del suo stipendio. Beppe Grillo non le ha mai mandate a dire ai dirigenti della Rai. E oggi c'ha pensato Roberto Fico, presidente M5S della commissione di Vigilanza sulla Rai, a lanciare l'ultima "provocazione".

"Si devono spiegare tutti i costi ai cittadini, specificando quale programma è stato finanziato dal canone. Vorrei un bilancio chiaro delle trasmissioni, una indicazione sintetica nei titoli di coda magari con un richiamo a un sito internet della Rai dove si spieghi tutto", ha dichiarato parlando a "24 Mattino" su Radio 24.

La sua proposta è quella di indicare i "costi dei programmi Rai nei titoli di coda". "Esisterà anche nel contratto - ha detto rispetto agli ingaggi milionari degli showman Rai- una clausola di riservatezza. Ma il punto fondamentale è che noi vogliamo che tutti gli stipendi Rai siano trasparenti e pubblici, dato che la Rai è un'azienda pubblica che raccoglie il canone".

Quanto in particolare al contratto di Fabio Fazio "per le persone normali - ha detto Fico - è una cifra da capogiro e anche su questo si potrebbe dare un esempio forte al Paese". Quanto a Maurizio Crozza, e alla domanda se non sia un impoverimento perdere un Crozza o un Benigni, "l'impoverimento vero - ha obiettato- sono i 500 milioni di deficit con cui la Rai andrà a chiudere il bilancio 2013. Dobbiamo capire come risanare la Rai" e "il contratto di Crozza sarebbe stato, mi pare, di 25-30 milioni. Se hanno valutato che è troppo giusto fermarsi e lo stesso per Benigni. E poi perché format esterni? Facciamo lavorare al massimo i dipendenti, gran parte delle produzioni dovrebbero essere totalmente interne".

Riguardo a Beppe Grillo che ieri ha sfidato Fabio Fazio annunciando una calata di grillini al prossimo festival di Sanremo, "sono andato a mille manifestazioni e continuerei ad andare", ha risposto Fico alla radio. Precisando poi, sul suo profilo Facebook, che però "non esiste nessun 'occupy Sanremo' e non esiste alcuna manifestazione di questo genere e con questo nome a cui devo partecipare". Ora "il mio lavoro continua in Vigilanza - ha sottolineato - e semmai ci saranno eventi organizzati dal mio gruppo parlamentare mi riserverò di scegliere se intervenire come ho sempre fatto nel rispetto del mio ruolo istituzionale".

"All'attenzione della Commissione - ha messo nero su bianco su Facebook il presidente grillino della Vigilanza - intendo sottoporre la questione Sanremo: anche per il festival, come per qualsiasi altro programma della Rai, deve essere garantita trasparenza. Lavoreremo anche su questo punto".

"Già in precedenti incontri in commissione - ha proseguito Fico- abbiamo discusso della possibilità di inserire nei titoli di coda un piccolo prospetto indicativo del bilancio necessario per realizzare ogni programma Rai, con un richiamo ulteriore a un sito internet, in modo da rendere noti ai cittadini i costi affrontati e specificando cosa è stato finanziato dal canone. Perchè non farlo anche per Sanremo? La Rai è pubblica ed è finanziata per 1 miliardo e 750 milioni di euro da risorse pubbliche. Per questo motivo ci vuole un impegno maggiore nella direzione della chiarezza da parte dell'azienda".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'idea dei grillini: "Rai pubblichi i costi dei programmi nei titoli di coda"

Today è in caricamento