rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
diritti

Stop al Ddl Zan, Chiara Ferragni: "Siamo governati da pagliacci"

E intanto il marito Fedez si scaglia contro Matteo Renzi

"Siamo governati da pagliacci senza palle". Così Chiara Ferragni ai suoi oltre venticinque milioni di follower dopo il naufragio del Ddl Zan di oggi in Senato. Una presa di posizione che la accomuna al marito Fedez, che su Twitter è un fiume in piena contro Matteo Renzi. 

Già nei mesi scorsi i Ferragnez si erano esposti in favore del Ddl Zan. E tornano a farlo oggi che il disegno di legge contro l'omotransfobia è stato bloccato (dopo esser stato approvato dalla Camera il 4 novembre 2020). "Un caro saluto al Renzi che ci trapanava i cogl*oni e che oggi pare fosse in Arabia Saudita - scrive Fedez - Paese in cui l'omosessualità è accettata con un piccolo prezzo da pagare, ovvero la morte". E ancora: "Per celebrare la libertà di parola  organizziamo una partitella a scarabeo con Kim Jong-un?". 

Cosa succede al Ddl Zan

Oggi al Senato è saltato l'esame degli articoli ed emendamenti del ddl Zan, per cui l'iter si blocca. L'aula del Senato ha infatti votato a favore della cosiddetta 'tagliola', chiesta da Lega e FdI. A favore, 154 senatori, 131 i contrari e due astenuti. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto, è stata accolta da un applauso. Immagini che sono diventate presto virali in rete. 

Ddl Zan, decide il voto segreto: il Senato vota la "tagliola", stop alla legge contro le discriminazioni

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop al Ddl Zan, Chiara Ferragni: "Siamo governati da pagliacci"

Today è in caricamento