rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Spettacoli&Tv

Ezio Greggio ancora nei guai con il fisco per un elicottero?

Il Fatto Quotidiano rivela che il conduttore di 'Striscia' avrebbe comprato un elicottero da 3,5 milioni di euro aggirando la normativa sull'Iva

Secondo Thomas Mackinson su "Il Fatto Quotidiano", Ezio Greggio avrebbe acquistato un elicottero da 3,5 milioni di euro nel 2005 con una serie di escamotages per aggirare l'Iva.

Non molto tempo fa, sempre il Fatto aveva portato a galla una presunta mega evasione di Greggio che avrebbe fatto accreditare il suo stipendio Mediaset all'estero (Irlanda e Principato di Monaco) per pagare meno tasse.

Greggio ha smentito ma, ricorda il Fatto, "l’inchiesta è conclusa e ora si attendono notizie dai suoi legali su un’ipotesi di accordo col Fisco che consentirebbe al telecastigatore dei furbi di pagare fino a un terzo delle somme pretese e di alleggerire le eventuali conseguenze penali, ammettendo però davanti all’Italia intera d’aver fatto – è il caso di dire – il 'volpino'".

Ma torniamo alla questione dell'elicottero, così come raccontata da Mackinson sul Fatto.

"Dalle carte emerge come a prospettare la rotta più conveniente per nascondersi dal fisco italiano fossero stati gli stessi uffici di AgustaWestland, società al 100% di Finmeccanica a sua volta controllata (al 30%) dal Tesoro. Come dire, con una metafora, che lo Stato fa la guerra agli evasori con una mano e fornisce loro gli strumenti per aggirare il fisco con l’altra. L’elicottero è un A109 Power “Elite”, modello di punta per pochi fortunati. A sovrintendere la vendita è l’ex ad Finmeccanica Giuseppe Orsi, oggi sotto processo per corruzione internazionale. Ma l’acquirente è lui o non è lui? 'Cerrrto che è lui', direbbe Greggio. Il suo nome, va detto, nel contratto non compare ma la sigla d’immatricolazione I-EGGG offre un primo indizio. È poi Greggio Ezio a dare istruzioni sulle finiture, dal colore dei tappetini all’altezza del logo. A comprarlo, formalmente, è però 'Swift Copter', società di diritto britannico con sede a Londra che risulta cambiare più denominazioni (Goldbox, Aquarius Corporate…), possedere effettivamente un elicottero e veleggiare per la sopravivenza tra ingenti perdite. Greggio spunta, stavolta nero su bianco, in una scrittura privata tra Agusta e la promissaria acquirente nella quale si impegna a presenziare ad alcuni eventi a scopo promozionale 'che diano risalto al ruolo dell’elicottero nel trasporto Vip'. Attività senza compenso, si precisa, perché 'valorizzate nelle determinazione del prezzo dell’A109'. Che infatti non sarà quello di listino. E non è l’unico sconto".

Il procuratore di Swift Copter è Domenico Francone, "braccio destro di Greggio già presidente- amministratore-consigliere in diverse società che ruotano attorno al presentatore".

Per godere dell'esenzione, l'elicottero in questione dovrebbe operare prevalentemente fuori dal territorio italiano, chiarisce il Fatto che, citando i registri Enac, afferma però che ancora oggi il velivolo è "basato all’aerodromo utilizzato da Agusta e dall’Aeroclub Vergiate, per qualcuno Padania, ma pur sempre Italia". E poi "nel contratto viene definito uno sconto di 300mila euro in cambio di un impegno di Swift Copter a garantire nell’arco di tre anni la disponibilità del velivolo a fini dimostrativi per un minimo di 200 ore, una scrittura privata che – alla luce degli altri elementi – sembra una specie di assicurazione in caso di accertamento di utilizzo in Italia".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ezio Greggio ancora nei guai con il fisco per un elicottero?

Today è in caricamento