Domenica, 9 Maggio 2021
l'ex fotografo nel penitenziario di monza

Fabrizio Corona trasferito in carcere

Da due settimane era ricoverato all'Ospedale Niguarda di Milano. Revocati i domiciliari dal Tribunale di Sorveglianza, dovrà finire di scontare la pena nel penitenziario di Monza

Fabrizio Corona, foto @Instagram

Fabrizio Corona è tornato in carcere. L'ex re dei paparazzi è stato trasferito ieri sera nel penitenziario di Monza, dove finirà di scontare la pena (fino al 2024). Sul suo profilo Instagram lo staff ha pubblicato un riquadro nero, senza aggiungere altro, e non si hanno per il momento ulteriori notizie su come abbia reagito e sulle sue condizioni, negli ultimi giorni preoccupanti. 

Da due settimane Corona era ricoverato nel reparto psichiatrico dell'Ospedale Niguarda di Milano, dove ha fatto lo sciopero della fame e della sete per protestare contro la decisione dei giudici del Tribunale di Sorveglianza di revocare i domiciliari. Il ricovero era avvenuto dopo che l'ex re dei paparazzi si era provocato dei tagli sulle braccia appena appreso la sentenza e ha provato a farsi più volte del male anche in ospedale

Perché Corona torna in carcere

E' stato il sostituto procuratore generale di Milano, Antonio La Manna, a chiedere che Fabrizio Corona lasciasse i domiciliari per aver violato alcune delle prescrizioni impartite - come la partecipazione a programmi tv, l'utilizzo dei social e l'aver ospitato persone in casa - girando al Tribunale di Sorveglianza la richiesta di sospensione del differimento della pena. Richiesta accolta dai giudici. Fabrizio Corona dovrà quindi scontare in cella un residuo di pena che terminerebbe a settembre 2024. 

L'appello della madre: "Mio figlio è malato, se torna in carcere muore"

Da settimane si è messa in moto una vera e propria macchina solidale per Fabrizio Corona. Sono in tanti a schierarsi dalla parte dell'ex fotografo, chiedendo a gran voce che venga curato ma lontano dalla galera. Su change.org è stata lanciata anche una petizione (gettonatissima) per la sua libertà. Gli appelli arrivano da ogni parte, ma il più accorato è quello della mamma, convinta che il ritorno in carcere del figlio stavolta potrebbe essere fatale: "Fabrizio deve tornare a casa dove con grande sofferenza ha fatto un cammino lungo con me, suo figlio Carlos, i suoi fratelli e le poche persone che gli vogliono veramente bene - ha detto la signora Gabriiella - Con l'aiuto dei terapeuti, siamo riusciti a farlo stare molto meglio. Deve continuare la terapia. Se lo mettono in carcere, muore". Il suicidio è la cosa che teme di più la donna, a causa della malattia del figlio, "disturbo borderline con disturbo bipolare di tipo narcisistico associato a una sindrome depressiva maggiore".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabrizio Corona trasferito in carcere

Today è in caricamento