Fazio preoccupato per i figli: "La scuola deve essere un posto sicuro"

In un video pubblicato su Twitter, il conduttore commenta la riapertura delle scuole: "Non è possibile che qualche bambino si possa ammalare per incuria o leggerezza"

Fabio Fazio

Fabio Fazio torna a parlare sui social dopo le vacanze estive e lo fa a poche settimane dalla riapertura delle scuole. Un tema importante che lo coinvolge in prima persona come padre e su cui ha le idee ben chiare: "Siamo ormai all'ultima settimana di agosto, si avvicina l'apertura delle scuole e quindi uno dei temi più dibattuti di questi giorni per chi ha figli come me in età scolare è proprio la scuola. E' un argomento fondamentale ed è fondamentale che le scuole riaprano naturalmente, perché la scuola non è solo didattica ma anche socializzazione, imparare a crescere, conoscersi, fare amicizia, innamorarsi. Ne siamo tutti consapevoli - spiega - ma la scuola deve essere un posto sicuro, non è pensabile che un bambino si possa ammalare per incuria o per leggerezza".

"La scuola è anche un argomento difficile da trattare perché tutti siamo andati a scuola e quindi tutti pensiamo di avere il diritto di sapere cosa fare - prosegue Fazio - In realtà la situazione è complicata, le scuole sono tante, gli studenti milioni, fare una progettualità che metta insieme tutte le necessità in questo momento di emergenza sanitaria non è facile". Nelle parole del conduttore non c'è polemica, ma qualcosa non gli torna: "Alcune domande rimangono senza risposta - dice - per esempio abbiamo scoperto in questi giorni che la febbre ai bambini non si misurerà a scuola ma devono misurarla i genitori a casa e questo sicuramente non aumenta la sicurezza. Un altro argomento, il più trattato dai genitori è a che cosa servono i banchi con le ruote. Abbiamo escluso che servano a scappare più velocemente dal virus ma ancora non abbiamo capito a che servono ma lo scopriremo solo vivendo. Ma in questi mesi non si poteva fare una rete vera per l'insegnamento a distanza e fornire i tablet a quei ragazzi che non possono permetterselo? Così avremmo fatto una cosa che sarebbe rimasta nel futuro e che in caso di emergenza avrebbe consentito l'insegnamento a distanza e di diminuire la presenza nelle aule! Le risposte prima o poi arriveranno". Si spera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi sabato 19 settembre 2020: numeri e quote

  • Chi è Tommaso Zorzi e perché è famoso: tutto sull'influencer, dall'amore alla carriera

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di martedì 22 settembre 2020: numeri e quote

  • Mascherina (di nuovo) obbligatoria all'aperto in Campania: l'ordinanza di De Luca

  • Polemica a Tale e Quale, Carmen Russo nei panni di Stefania Rotolo ma la figlia non apprezza

  • Calciomercato, le ultime notizie su trattative, acquisti e cessioni: Dzeko resta alla Roma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento