Venerdì, 14 Maggio 2021

"Inducono l'omosessualità del figlio": Fedez sbotta, il noto quotidiano chiede scusa

Il rapper contro La Nazione dopo un articolo che lo chiamava in causa, poi arriva la rettifica

Fedez con i figli Leone e Vittoria, foto @Instagram

Fedez non è rimasto in silenzio davanti a un articolo pubblicato su La Nazione che lo tirava in ballo, insieme a sua moglie, in merito all'educazione e alla sovraesposizione social dei figli. Non solo, nel pezzo il giornalista - che non fa i loro nomi, anche se l'allusione è chiara - parla di "induzione all'omosessualità", sempre riferendosi al loro comportamento nei confronti del figlio.

Questa la parte screenshottata dal rapper e condisiva sui social: "Oggi, ci sono coppie, celebri grazie ai social e quindi obbligate a render spettacolare ogni attimo della loro vita, che quasi inducono l'omosessualità del figlio neonato, offrendogli bambole". La replica di Fedez è durissima: "Secondo questo fantastico articolo su La Nazione, se tuo figlio gioca con le bambole lo stai 'inducendo' all'omosessualità. Credo che leggendo articoli come questi ci sia un altissimo rischio di 'indurre' le persone a diventare delle teste di ca***". Poco dopo continua su Twitter: "Buon 1920 a questo fantastico articolo de La Nazione. Bravi tutti".

Il tweet di Fedez

fedez twitter-2

Le scuse de La Nazione

Nel giro di poche ore non solo arrivano le scuse ufficiale del noto quotidiano, ma anche la rettifica dell'articolo. Questa la spiegazione della testata, ricondivisa da Fedez su Instagram: "Ci scusiamo per l'inciso: esprime un pensiero che risulta offensivo e fuorviante, sebbene fosse inserito all'interno di un articolo che voleva invece difendere i ragazzi cacciati di casa perché omosessuali. Perciò abbiamo tolto quel passaggio che non rispecchia il pensiero de La Nazione". Ma se Fedez non avesse sbroccato?

Le scuse de La Nazione

fedez la nazione-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Inducono l'omosessualità del figlio": Fedez sbotta, il noto quotidiano chiede scusa

Today è in caricamento