rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Spettacoli&Tv

Festival di Roma al via: oggi è il giorno di Carlo Verdone

Primo red carpet all'Auditorium per una partenza cinephile della kermesse romana. Attesa per l'arrivo di Carlo Verdone, protagonista di un documentario su di lui

Dopo la partenza “ufficiosa” di giovedì, si è alzato il sipario sulla settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma.

L’eco delle polemiche non accenna a spegnersi, nonostante gli inviti di Paolo Ferrari, presidente della Fondazione Cinema per Roma, a far tacere “le chiacchiere” e a lasciar parlare i film in programma.

La cerimonia di apertura di ieri, con Claudia Pandolfi madrina del Festival (vestita con un abito Armani color fucsia) è stata nel segno del cinema d'autore, con la proiezione di “Aspettando il mare” del russo Bakhtiar Khudoijnazarov. Diversi i vip che hanno sfilato sul red carpet e poi hanno partecipato alla cerimonia .

Rispetto alle scorse edizione, è innegabile un calo di affluenza da parte del pubblico (si parla di un meno 15 per cento sulla vendita dei biglietti).

Festival del Cinema di Roma 2012: le star sul red carpet

Esordio all’insegna dello splatter per “Il canone del male”, del giapponese Takashi Miike (seguito da un nutrito gruppo di giornalisti asiatici), a cui ha fatto seguito “Main dans la main” di Valerie Donzelli, favola romantica e surreale ambientata a Parigi tra un’insegnante di danza dell’Opera Garnier e un giovane apprendista specchiaio.

Applausi e risate per “Carlo!”, il documentario su Verdone di Fabio Ferzetti e Gianfranco Giagni. La proiezione per la stampa è stata preceduta dall’anteprima mondiale di un filmato inedito di Eduardo De Filippo per la promozione del piano Marshall, ritrovato e restaurato dalla Cineteca Nazionale.

Carlo Verdone al Festival del Cinema di Roma

Verdone superstar anche in conferenza stampa, dove ha raccontato la genesi dei suoi personaggi più famosi, riflettendo sullo scorrere del tempo e sui cambiamenti della società. "Oggi sono tutti uguali agli altri. La gente che raccontavo io aveva ognuno una singola caratteristica. Vedo persone tutte uguali nella societa' odierna, nessuno svetta in modo particolare - ha detto Verdone - Mi capita di ritrovare qualcosa di interessante nei trasteverini, che però sono rimasti in un pugno. Trovo in loro ancora la poesia, le battute sarcastiche che fanno hanno un sapore".

La seconda giornata del Festival vede in programma il primo dei tre film italiani in concorso: “Alì ha gli occhi azzurri” di Claudio Giovannesi, storia di un ragazzo marocchino nato e cresciuto a Ostia, alla ricerca di una propria identità. Alle 16.30, in sala Petrassi, Paul Verhoen presenta “Steekspel”, esempio di “film partecipato” creato in collaborazione con il web, e incontra il pubblico per il primo dei masterclass in programma per CinemaXXI. Tra gli altri eventi della giornata, la proiezione del primo dei due film a sorpresa annunciati da Müller: “Back to 1942” del cinese Xiaogang Feng. Fuori concorso c’è “Mental” di P. J. Hogan, con Toni Colette e Liev Schreiber. “Prospettive Italia” presenta “La scoperta dell’alba” di Susanna Nicchiarelli, con Margherita Buy e Sergio Rubini, tratto dal romanzo di Walter Veltroni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival di Roma al via: oggi è il giorno di Carlo Verdone

Today è in caricamento