Martedì, 21 Settembre 2021
Spettacoli&Tv

Finto rom a 'Quinta Colonna': 'Striscia' contro Paolo Del Debbio

Il tg satirico ha intervistato un uomo apparso nei programmi di Rete Quattro che ha dichiarato di essere stato pagato per impersonare sia un rom truffatore che un islamico estremista. Mediaset, dal canto suo, ha sospeso il giornalista Fulvio Benelli, autore del servizio, e annuncia di adire le vie legali

Nell'ultimo periodo 'Striscia la notizia' è sempre più sulla cresta dell'onda dello scandalo: dopo essere stata suo malgrado vittima dei presunti servizi inventati ad arte dai suoi storici inviati Fabio e Mingo, la trasmissione di Antonio Ricci continua la sua battaglia contro i finti scoop giornalistici e a qualche settimana dall’intervista di 'Mattino Cinque' alle due ragazze rom che si vantavano di rubare mille euro al giorno, ieri sera il corrispondente Moreno Morello è andato a scovare il cosiddetto "rom polivalente", l'uomo che in un servizio di Fulvio Benelli per 'Quinta Colonna' di Paolo Del Debbio ha affermato di essere una volta un ladro d'auto e un'altra un musulmano integralista. 

Il personaggio è apparso sia a 'Quinta Colonna' sia 'Dalla parte vostra', l'altro programma condotto sempre dallo stesso giornalista e sul quale 'Striscia' ha mostrato due video.

Nel primo filmato relativo alla puntata di 'Quinta Colonna' del 27 aprile, il rom veniva presentato come un truffatore in grado di rubare un'auto sotto gli occhi del proprietario e a tal proposito il tg satirico ha dato voce a un ragazzo che ha spiegato come la jeep mostrata “era dell’operatore venuto a fare il servizio, che ha prestato la sua auto per fare questa fantomatica truffa“. Quinta Colonna, tuttavia, ha presentato dei documenti che attestavano i trascorsi giudiziari del giovane, accusato di una truffa simile a quella documentata. 

Nel secondo video il rom si era finto un musulmano estremista che diceva di essere favorevole allo sterminio di cristiani compiuto dall'Isis e che, ascoltato da Striscia, ha confessato che in realtà sarebbe stato proprio l'invitato a suggerirgli le frasi dietro il compenso di 300 euro per il servizio in cui dichiarava di truffare vendendo macchine rubate e di 20 euro per quello in cui impersonava un islamico estremista. 

Tantissimi su Twitter i commenti degli spettatori indignati e la dichiarazione di Mediaset non si è fatta attendere:

Da oggi abbiamo interrotto ogni rapporto professionale e valuteremo le opportune iniziative legali nei confronti del giornalista Fulvio Benelli.

Anche Paolo Del Debbio ha rilasciato una dichiarazione ufficiale:

Siamo sempre stati chiari e onesti con i nostri telespettatori e continueremo ad esserlo. Perché vogliamo stare in mezzo alla gente, vogliamo raccontare i problemi del Paese con impegno e serietà, come abbiamo sempre fatto, senza lasciare spazio alcuno a chi tradisce la fiducia nostra e quella del pubblico.

Nessun commento da parte di Fulvio Benelli, al momento trincerato dietro il silenzio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finto rom a 'Quinta Colonna': 'Striscia' contro Paolo Del Debbio

Today è in caricamento