Lunedì, 14 Giugno 2021
Spettacoli&Tv

Molestie in tv, assolto Paolini: reato in prescrizione

Dopo l'assoluzione nel processo che lo vedeva imputato per diffamazione, un'altra sentenza positiva per il noto disturbatore

Riforma della sentenza di primo grado e assoluzione per intervenuta prescrizione. E' stata questa la decisione dei giudici della III sezione della corte d'appello di Roma in relazione al processo che vedeva imputato il famoso "disturbatore tv" Gabriele Paolini per le accuse di interruzione di pubblico servizio e molestie rispetto a tre diverse incursioni in diretta al Tg1, avvenute tra il settembre e il dicembre 2008.

In primo grado la pena era stata di 6 mesi. Il difensore di Paolini, l'avvocato Massimiliano Kornmuller, ha spiegato: "Speriamo che questa decisione possa essere presa d'esempio e possa diventare una sorta di 'sentenza pilota'".

Paolini si trova agli arresti domiciliari rispetto alla vicenda che lo vede coinvolto per fatti di abusi su minori e pedopornografia. Lunedì è prevista una nuova udienza, davanti alla V sezione del tribunale di Roma. "Tra Milano, Torino e Roma saranno una decina i processi che dobbiamo affrontare", ha fatto sapere il legale. 

Paolini, presente in aula, si è detto soddisfatto della decisione ma non ha rilasciato ulteriori commenti. Il 14 luglio poi dovrà comparire davanti al gup per l'accusa di violenza sessuale. "Un giornalista lo ha accusato di averlo toccato nel corso di uno dei suoi interventi", ha spiegato l'avvocato Kornmuller.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestie in tv, assolto Paolini: reato in prescrizione

Today è in caricamento