rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Spettacoli&Tv

Gerry Scotti: "Ho chiesto a Renzi di togliermi il vitalizio, è sparito"

Il conduttore, in passato parlamentare per una legislatura, percepisce un vitaliazio di 1400 euro al mese

"Io e Renzi abbiamo in sospeso una vecchia storia, quella della pensione", così Gerry Scotti ai microfoni di Un giorno da pecora, su Radio 1, torna a parlare del suo vitalizio. Il conduttore è stato un parlamentare del Partito Socialista Italiano dal 1987 al 1992, maturando un vitalizio di 1400 euro al mese, al quale, però, vorrebbe rinunciare ormai da anni.

La sua richiesta, formalizzata nel 2014 all'allora presidente del Consiglio Matteo Renzi, ma non ha mai ricevuto risposta: "Lui disse 'Ci penso io, stai sereno". Poi è sparito, ora non so a chi telefonare. Però mi ha detto che prima o poi si attuerà un provvedimento per cui chi vuole rinunciarci dovrà solo firmare la rinuncia, punto e basta". Chissà in quanti lo faranno...

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gerry Scotti: "Ho chiesto a Renzi di togliermi il vitalizio, è sparito"

Today è in caricamento