Domenica, 19 Settembre 2021
Spettacoli&Tv

Giornaliste in carne: la tv egiziana le sospende e le costringe a dimagrire

In Egitto scoppia la polemica: la tv di Stato ha sospeso 8 presentatrici imponendo loro un mese di dieta invitandole a rientrare in servizio solo una volta raggiunto "un aspetto più adeguato"

Giornalista egiziana Khadija Khattab

Tempi duri per le presentatrici televisive egiziane: ebbene sì, stando a quanto racconta la Bbc, la tv di Stato egiziana ha sospeso otto giornaliste e ha ordinato loro di mettersi a dieta per un mese al fine di tornare in video "con aspetto più adeguato".

La vicenda, ovviamente, non è passata in sordina in quanto ha lasciato l'amaro in bocca alle anchorwomen sollevando non poche polemiche: a loro avviso, infatti, si tratta di una decisione ingiusta e non obiettiva: "Non sono davvero grassa" - ha dichiarato in un'intervista Khadija Khattab, giornalista di Canale 2.

A sostegno delle conduttrici si è schierato il Centro per la Guida e la Consapevolezza legale delle Donne secondo il quale l'ordine di sospensione "viola la Costituzione" e, in fin dei conti, rappresenta una vera e propria forma di violenza nei confronti delle donne.

L'associazione ha infatti chiesto che la Egyptian Radio and Television Union ritiri tale decisione ma, a quanto pare, i vertici non ne vogliono sapere.

Ecco che la vicenda, una volta sbarcata sul web, ha diviso l'opinione pubblica vedendo, da un lato, gli utenti schierarsi a favore delle otto presentatrici sospese con tanto di messaggi di solidarietà e supporto ma, dall'altro, non mancano invece parole offensive da parte di coloro che le dipingono usando termini pesanti come "bakabouzas", che si usa solitamente per indicare donne in sovrappeso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornaliste in carne: la tv egiziana le sospende e le costringe a dimagrire

Today è in caricamento