Giovedì, 23 Settembre 2021
Spettacoli&Tv

Coronavirus, Giuseppe Fiorello condanna battute e canti dai balconi: "Rispetto per i morti e le loro famiglie"

Lo sfogo dell'attore su Twitter dopo l'ultimo bollettino diramato dalla protezione civile e le immagini dei camion militari a Bergamo per portar via le bare

465 morti solo nella giornata di mercoledì, 2.978 da quando l'epidemia è arrivata in Italia. Il coronavirus miete vittime e registra numeri da bollettino di guerra, soprattutto in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, le regioni più colpite, con gli ospedali che fanno fatica a sostenere un'emergenza simile. 

Letta così, da ridere e festeggiare c'è ben poco, e anche quell'"andrà tutto bene" scritto e urlato ovunque, inizia un po' a stonare, soprattutto perché è ormai quasi scontato che alla crisi sanitaria seguirà quella economica, con l'intero Paese paralizzato nella sua produttività, e "bene" non è proprio la prima parola che viene in mente se si pensa oggi al futuro. A rompere l'idillio di canti e balli affacciati alle finestre in nome dell'unità nazionale, la voce fuori dal coro di Giuseppe Fiorello, a cui però via via, sui social, se ne stanno aggiungendo molte altre che inneggiano a un più decoroso silenzio.

Le immagini della lunga fila di camion militari, a Bergamo, che portano via le bare, hanno fatto il giro del web ma soprattutto delle coscienze. "Camion militari per portare le bare dei morti e ancora si canta sui balconi - scrive l'attore su Twitter - Si fanno battutone spiritose su questa tragedia epocale, si fanno happening sui social. Dobbiamo fare tre giorni di lutto nazionale. Rispetto per i morti e le loro famiglie, social sì ma senza fare festa". Parole dure, per certi versi impopolari, ma condivisibili e condivise. 

E se è vero che c'è un tempo per ogni cosa, questo, forse, dovrebbe essere quello del silenzio. Di tempo per dimostrare di essere italiani facendo casino ne avremo, quando andrà davvero tutto bene. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Giuseppe Fiorello condanna battute e canti dai balconi: "Rispetto per i morti e le loro famiglie"

Today è in caricamento