rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Spettacoli&Tv

Flavio Insinna: “Contro di me tanta violenza, è un paese che non ti perdona il successo"

L'ex conduttore di Affari Tuoi, ospite del programma Cartabianca, ha ribadito la sua posizione nei confronti dello scandalo esploso dopo la messa in onda dei fuorionda a Striscia. "La signora se vuole mi perdonerà” ha detto in riferimento alla concorrente offesa negli audio

Come annunciato Flavio Insinna è tornato ospite del programma di Rai Tre Cartabianca per ribadire quanto già affermato a proposito del caso scoppiato in seguito ai fuorionda di Striscia la notizia.

Per quasi un'ora di diretta il conduttore ha potuto replicare nel corso della trasmissione condotta da Bianca Berlinguer dove due mesi fa aveva lanciato il suo ormai celebre 'monologo sulla gentilezza', tanto citato dalla trasmissione di Antonio Ricci alla quale Insinna ha fatto riferimento.

"Questo è un Paese che non ti perdona il successo, il merito, il talento e la leggerezza" ha detto l'ex volto di 'Affari Tuoi' - "La violenza contro di me inizia dopo il successo in questo programma, una violenza che non ha precedenti".

"Mi dispiace che io che collaboro con Emergency, la comunità di Sant'Egidio, tutto questo ha banalizzato il bene. Si è fatta questa equazione: 'Ha detto che vuole vivere in un paese gentile, lui non è gentile'"- ha aggiunto ancora - "Mandare a ‘Striscia' una pagina del mio libro e farla leggere a un attrice, con la scritta ‘femminicidio', in un libro che io scrivo per mio padre che muore, se si prende una pagina e non la si spiega e si dice che io istigo al femminicidio, è violenza pura".

Quanto al suo futuro professionale, Insinna ha rimarcato di aver perso "film e telefilm" dopo il servizio di Striscia e di non voler entrare in politica: "Io sono stato trattato come un politico. Sono finito nel tritacarne in cui finiscono i politici. Ma io non voglio entrare in politica, ho già la mia politica, ho il mio impegno nel sociale, servo da fuori da fuori, da battitore libero, andando ad aiutare dove serve, dove ci sono gli oppressi, quelli senza soldi". 

Bianca Berlinguer gli ha chiesto se abbia sentito la signora concorrente offesa negli audio trasmessi da Striscia e se le abbia chiesto scusa: “La signora se vuole mi perdonerà” - ha risposto lui - “Credo di essere stato perdonato da Nostro Signore quando è salito sulla croce”. 

Infine un altro riferimento diretto a Striscia che ha anche confermato la fine del programma di Rai Uno da cui tutto è iniziato: "Io pagherei per conoscere il motivo di questo odio. Affari Tuoi non è più in onda, l'odio è personale. Se Affari Tuoi tornerà, non tornerà con me. La Rai ha fatto un'inchiesta interna e per mesi ci hanno controllato. Le indagini hanno detto che il gioco è trasparente". 


Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flavio Insinna: “Contro di me tanta violenza, è un paese che non ti perdona il successo"

Today è in caricamento