rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Spettacoli&Tv

Volevano decapitare la cantante Joss Stone

La polizia ha arrestato due uomini che complottavano per rapire e uccidere la star 25enne. Il movente sarebbe l'amicizia che lega la Stone alla famiglia reale inglese

La cantante Joss Stone era nel mirino di due uomini che meditavano di rapirla e tagliarle la testa con una spada da samurai di 94 centimetri.

Junior Bradshaw e Kevin Liverpool, 32 e 35 anni, sono stati arrestati nel giugno 2011 dopo essere stati avvistati in atteggiamenti sospetti nei pressi della casa della cantante a Cullompton, nel Devon.

Il movente andrebbe cercato nell'amicizia che lega la Stone alla famiglia reale inglese. La cantante si è esibita diverse volte durante alcuni concerti organizzati dalla corona ed è stata ospite del matrimonio di William e Kate.

Il processo è in corso ad Exeter e secondo l'accusa, "i documenti sembrano esprimere disapprovazione nei confronti dei reali e della regina. L'amicizia della Stone con i reali non piaceva agli imputati. Così è diventata un loro obiettivo".

I due imputati avrebbero fatto parte di una banda insieme ad altre persone che però non sono state ancora identificate. Dagli appunti sequestrati dalla polizia emergono dettagli raccapriccianti sulle intenzioni di Bradshaw e Liverpool: "trovare un fiume dove gettarla", "cercare la scatola dei gioielli", "Jocelyn RIP". La star 25enne, il cui vero nome è Jocelyn Eve Stoker, viene definita "l'incarnazione del diavolo".

Quando sono stati arrestati, i due avevano oltre alla spada anche un coltello a serramanico, un martello, passamontagna, guanti, uno spuntone metallico, sacchi neri e nastro adesivo. Entrambi gli imputati negano tutte le accuse. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volevano decapitare la cantante Joss Stone

Today è in caricamento