rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Spettacoli&Tv

Le Iene, il monologo di Francesco Arca: "Non sono un maschio alfa"

L'attore ha raccontato di essere cresciuto in una famiglia di sole donne, rifiutando ogni stereotipo dell'uomo forte a tutti i costi.

Come ogni puntata de Le Iene che si rispetti, anche in quella in onda martedì 17 gennaio un ospite speciale è stato protagonista di un monologo. Un momento intenso ed emozionante, che questa volta ha visto l'attore Francesco Arca raccontare a cuore aperto la sua storia e quella della sua famiglia. Una famiglia fatta di sole donne, che l'hanno cresciuto insegnandogli alcuni valori fondamentali. Uno tra tutti, il rifiuto di tutti quegli stereotipi - purtropo ancora ben radicati nella nostra società - che vogliono l'uomo forte, insensibile, incapace di provare emozioni.

Il monologo di Francesco Arca a Le Iene

"Sono nato a Siena e sono cresciuto con mia nonna Lorenza, mia mamma Morena e mia sorella Consuelo. Tutte donne, perché io papà l'ho perso troppo presto. Le mie donne mi hanno insegnato tutto: a fidarmi del mio intuito, ad essere generoso, a rispettare gli altri", ha esordito Arca, raccontando della sua infanzia in Toscana circondato dall'amore delle donne della sua famiglia. "Ma soprattutto a stare in contatto con le mie pulsioni. Crescendo con loro ho imparato a dubitare del clichè dell'uomo forte, l'uomo che vive senza dubbi e indecisioni, il classico stereotipo del maschio alfa". Un clichè che fatica ad uscire dalle nostre mentalità, e che non fa altro che alimentare ideali quali la mascolinità tossica.

Tutti ci aspettiamo, vedendo un uomo come Francesco Arca, che rispecchi a pieno tutti questi stereotipi: "Può essere che alcuni di voi abbiano questa immagine di me. Madevo confessarvi che non è così: a me basta una foto dei miei figli per farmi commuovere fino alle lacrime, e vado in crisi ogni volta che devo affrontare un'intervista o un discorso intimo, un po' come questo". Mai giudicare un libro dalla copertina, si dice. Ma allora perché, quando abbiamo a che fare con tematiche come questa, siamo sempre portati a pensare di conoscere tutto di una persona? Un uomo di successo, come un attore, non deve necessariamente rientrare nei classici clichè: può essere sensibile, essere in grado di piangere e di esternare i suoi sentimenti, di essere fragile.

"Io vivo ogni  istante con il dubbio di non essere all'altezza. Nella vita ho scelto di accogliere le mie paure, le mie fragilità, di accettare che ci sarà sempre qualcuno migliore di me a fare qualcosa. E ho scelto me, come sono, con la mia forza, la mia fragilità, la mia gioia, e anche la mia tristezza. Provateci, perché è il regalo che potete farvi". Con queste parole Francesco Arca ha concluso il suo monologo, che ha immediatamente riscosso successo tra il pubblico e ricevuto apprezzamenti anche dagli utenti dei social.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le Iene, il monologo di Francesco Arca: "Non sono un maschio alfa"

Today è in caricamento