Venerdì, 24 Settembre 2021
Spettacoli&Tv

Ceri accesi col bancomat al santuario: attaccato dalla Littizzetto, il sacerdote si dimette

Durante uno dei siparietti della trasmissione di Fabio Fazio, la comica torinese aveva attaccato il rettore del santuario di Caravaggio don Gino Assensi per aver installato delle candele elettroniche attivabili con il bancomat o la carta di credito e per questo il religioso si è dimesso dall'incarico

Dopo essere stato attaccato in televisione dalla comica Luciana Littizzetto per aver installato dei ceri elettronici attivabili anche con il bancomat e la carta di credito nel santuario di Caravaggio in provincia di Bergamo, il rettore del luogo sacro don Gino Assensi ha presentato lo scorso febbraio le sue dimissioni, accolte adesso dal vescovo di Cremona, monsignor Dante Lanfranconi, sotto la cui diocesi ricade la struttura.

Don Assensi era rettore del Santuario della Beata Vergine del Fonte, tra i luoghi sacri più frequentati al mondo, dal 2007. Lo scorso 15 dicembre la Littizzetto aveva ironizzato sulla sua iniziativa nel corso di una puntata di 'Che tempo che fa' su Raitre. "Oggi" - si legge in un comunicato della Curia di Cremona - "il vescovo ha accettato la rinuncia di don Assensi all'ufficio di rettore del Santuario di Caravaggio, presentata il 17 febbraio".

"Fermiamo don Gino prima che dica messa in playback o cerchi le pecorelle smarrite con il Tom Tom o che benedica tutti con l'irrigatore automatico" aveva detto la Littizzetto nel consueto siparietto nella trasmissione di Fabio Fazio, aggiungendo: "Se lo sapesse Papa Frank, vedi, a don Gino, dove glielo digita il pin".

Perciò il sacerdote aveva rassegnato le dimissioni due giorni dopo quella puntata, ma si è appreso soltanto ora che il vescovo le ha accettate.

Adesso non resta che aspettare domenica sera e vedere se e come la comica torinese commenterà il risultato della battuta che, oltre al sorriso del pubblico, ha strappato dall'interessato anche la sua poltrona, confermando che in questo periodo i rapporti tra lei e il mondo clericale non siano proprio dei più idilliaci.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceri accesi col bancomat al santuario: attaccato dalla Littizzetto, il sacerdote si dimette

Today è in caricamento