rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Spettacoli&Tv

Marilyn Monroe annunciò il suo suicidio in una lettera ora all'asta

Sembra smentita l'ipotesi che l'attrice sia stata assassinata. Spunta una la lettera in cui Marilyn dichiara di aver poca voglia di vivere

Nessun memoriale o gioielli di famiglia, stavolta all'asta andrà qualcosa di più clamoroso: la lettera scritta a mano da Marilyn Monroe, indirizzata al suo insegnante di recitazione Lee Strasberg, in cui annuncia il suo suicidio.

Si tratta di un documento privato e molto prezioso, che è stato scritto dalla grande diva mente si trovava all'hotel Bel-Air. Non compare nessuna data, ma si può chiaramente leggere quanto la donna avesse perso la voglia di vivere.
"La mia volontà è debole, non sopporto nulla. So che può sembrare pazzesco, ma ho come la sensazione di stare per impazzire. Quando sono davanti alla macchina da presa la mia concentrazione, così come tutto quello che al momento cerco di imparare, mi abbandonano. A quel punto mi sento come se non appartenessi più al genere umano".

Un appello disperato che lascia chiaramente intuire quello che poi si è rivelato essere il passo successivo, ovvero il suicidio.  

La versione ufficiale riportava che, la governante, dopo aver notato la luce della camera di Marilyn accesa di notte, si insospettì e chiamò lo psichiatra che la aveva in cura, Ralph Greenson. Quest'ultimo, entrato nella camera da letto, ne uscì poco dopo, alle 4.25, annunciando la morte. Stando alle dichiarazioni, si era suicidata ingerendo una dose letale di Nembutal, 47 pasticche prese insieme a una dose sconosciuta di idrato di cloralio.

Parole, quindi, scritte di suo pugno, che potrebbero mettere a tacere alcune teorie di complotto secondo le quali l’intramontabile bionda di Hollywood sarebbe stata assassinata.

Della vendita, se ne occuperà la casa d’aste “Profile in History”. La lettera fa parte di un’interessante collezione privata di un anonimo americano, che consiste in 250 epistole e altri documenti storici.  Alcuni di questi pezzi verranno esposti alla Doug Eliman, la galleria d’arte di New York, dall’8 al 16 aprile, prima di essere battuti all’asta, il 30 maggio, per una cifra di partenza che si aggira tra i 30 e i 50mila dollari.

Marilyn Monroe

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marilyn Monroe annunciò il suo suicidio in una lettera ora all'asta

Today è in caricamento