Martedì, 22 Giugno 2021
Spettacoli&Tv

Michael Jackson, scoperto materiale pedopornografico nella sua villa

A sette anni dalla morte della popstar, il sito americano 'Radar Online' ha reso noto il rinvenimento delle fotografie di bambini e adolescenti nudi che nel 2003 vennero sequestrate al cantante nel ranch di Neverland

Michael Jackson

Dopo quasi sette anni dalla morte di Michael Jackson, scomparso il 25 giugno 2009 a causa di un'overdose di anestetico, è stato svelato ora un rapporto della polizia sul materiale pedopornografico ritrovato nel 2003 nel ranch di Neverland, dimora dove la popstar visse per anni. 

Stando a quanto riporta Radar Online, all'epoca la polizia rinvenì un vasto archivio di foto di bambini nudi, di torture e di sesso sadomaso con minori e adulti. La perquisizione venne condotta a dopo le ripetute accuse di molestie sessuali su minori e, secondo quanto descritto sul verbale, oltre a "note, diari, documenti, fotografie, audio e video", anche farmaci per curare la dipendenza dal sesso e le relative ricette prescritte da differenti medici vicini alla star, farebbero parte della collezione sequestrata.

Si tratta di "documenti che dipingono un quadro scuro e spaventoso di Jackson" ha dichiarato un investigatore interpellato da Radar. Tuttavia, nonostante tutte le accuse e le denunce che furono fatte all'epoca, il Tribunale assolse il cantante da tutti i capi di imputazione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Michael Jackson, scoperto materiale pedopornografico nella sua villa

Today è in caricamento