rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Spettacoli&Tv

Milena Gabanelli, dopo l'addio a Report tutta la verità: "Ho avuto molti nemici"

La giornalista ha appena lasciato la nota trasmissione d'inchiesta e, in un'intervista a 'La Repubblica', ha confessato di aver avuto grandi soddisfazioni ma anche molti momenti difficili: "L'ex ministro Tremonti, per ben due volte mi denunciò all'AGCOM"

Abbiamo conosciuto una Milena Gabanelli combattiva e determinata ma anche una donna umana e sensibile che, in occasione dell'ultima puntata di Report, si è commossa dato che, dopo la bellezza di 20 anni di conduzione, ha lasciato le redini del noto programma di denuncia a Sigfrido Ranucci.

Una scelta tutt'altro che facile tanto che la diretta interessata, tramite Facebook, ha dichiarato: "Non è mai una passeggiata decidere di chiudere una grande storia personale e professionale, ma a parte la targhetta sulla porta, Report andrà avanti per la sua strada, e di questo sono felice. Tuttavia... mi mancherete... e volevo dirvelo, in questo spazio familiare":

Ecco che, uscita di scena, la giornalista ha raccontato a La Repubblica molti retroscena della sua carriera rivelando di essersi misurata con grandi sfide, tante soddisfazioni e perché no, anche con molti nemici.

Ebbene sì, la Gabanelli ha voluto ricordare i casi che più le sono rimasti impressi, nel cuore e nella mente, come quelli sui prodotti derivati, su Cremonini, Geronzi, Eni, Alitalia, Tanzi e il biologico ma non solo. Come ha fatto notare il giornalista che l'ha intervistata, i lavori d'inchiesta possono creare non poche complicazioni nonchè inimicizie. La persona a suo avviso più scorretta? La donna non ha dubbi: "L'ex ministro Tremonti, che per ben due volte mi denunciò (invano) all'AGCOM".

Ma non è tutto perché con la nascita di Report, nel settembre 1997, si è dedicata a quel tipo di giornalismo che si potrebbe etichettare come "fastidioso". "Problemi con l'azienda?" - ha chiesto il giornalista. "Qualche componente del vecchio Cda, ma non ha senso rivangare, anche perché l'abbiamo sempre spuntata". "Hanno anche cercato di togliervi la tutela legale" - ha poi sottolineato l'intervistatore e lei ha replicato precisando: -"Fino al 2007 non avevamo alcuna tutela legale. Poi, con Cappon direttore generale, ci venne concessa. Provò nel 2009 Masi a toglierla, ma alla fine ci ripensò".

Non solo bastoni tra le ruote perché sono stati tanti anche i sostenitori: "Tutti i direttori di rete dalla nascita del programma a oggi, ma lo è stato anche Gubitosi e lo sono Campo Dall'Orto, Carlo Verdelli, i capistruttura della rete, Valerio Fiorespino, la responsabile risorse tv Chiara Galvagni e sicuramente ne dimentico. Sono molti i nostri sostenitori dentro la Rai".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milena Gabanelli, dopo l'addio a Report tutta la verità: "Ho avuto molti nemici"

Today è in caricamento