rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Spettacoli&Tv

Ai vip di "Mission" un rimborso spese di 700 euro al giorno

Giancarlo Leone difende il nuovo programma presto in onda su Rai1 ma Roberto Fico (M5S) non ci sta

Settecento euro al giorno di rimborso spese. Tanto prenderanno i vip che compongono il cast di "Mission", il nuovo show di Rai1 che tanto sta facendo discutere ancora prima della sua messa in onda, prevista ai primi di dicembre.

Giancarlo Leone, direttore di Rai1, ha parlato del programma (che lui definisce "social tv" e combatte la definizione "reality umanitario") in un'intervista a Prima Comunicazione.

"Il nostro programma non ha finalità vaporosamente didattiche o morali. Noi vogliamo fare qualcosa di concreto. Durante ogni puntata inaugureremo una raccolta fondi destinati a quei campi appena raccontati. Eppoi il mondo dell’associazionismo, del volontariato ha bisogno anche di gente che si impegni, che intervenga, che dia una mano. Questo programma potrebbe invogliare, accendere luci", ha spiegato Leone.

I vip (Albano e la figlie Romina Jr e Cristel, Paola Barale, la giornalista Candida Morvillo, Francesco Pannofino, Michele Cucuzza, Barbara De Rossi, Emanuele Filiberto di Savoia) "avranno un incontro con degli esperti incaricati di preparali adeguatamente".

"Per quindici giorni queste persone faranno la vita dei volontari in quattro differenti campi profughi aiutandoci a capire cosa sia questa realtà nobile e dimenticata. Ai cosiddetti vip non è richiesta alcuna esibizione, né incoraggiato alcuno sfoggio di vanità. Abbiamo loro chiesto di immergersi in questa realtà sconosciuta e farci capire quali siano i problemi che i volontari affrontano tutti i giorni, dalla potabilizzazione delle acque alla fornitura di cibo, dall’assistenza sanitaria all’alfabetizzazione. Le nostre telecamere li seguiranno con intelligenza e discrezione". E a chi contesta l'entità del rimborso spese, Leone fa notare polemicamente che "coraggio e altruismo non sono stati la nota connotativa delle risposte di molte celebrities cercate tra sportivi, giornalisti, attori e cantanti”.

Ma Roberto Fico, esponente del Movimento5Stelle e presidente della Commissione Vigilanza della Rai, ha risposto duramente a Leone.

"Siamo venuti a conoscenza di queste cifre tramite la stampa, la Rai non ha ritenuto necessario rispondere con cura e precisione alle interrogazioni poste dai Commissari della Vigilanza Rai - ha scritto Fico su Facebook - Il direttore di Rai Uno la definisce “social tv”. Ma non credo che nascondendosi dietro questo nome si riescano ad azzerare i dubbi riguardo i rischi di spettacolarizzazione del dolore dei rifugiati nei campi profughi in Africa. Accostare un personaggio del mondo dello spettacolo ad essere umano che soffre, in una situazione di evidente disperazione, produce sempre una tv del dolore, che non credo corrispondere all’idea di qualità del servizio pubblico che pure il Presidente Tarantola ha dichiarato di voler perseguire. Reality o Social Tv non importa. Immaginiamo per un attimo le telecamere che riprendono i vip accanto ad uno dei profughi". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ai vip di "Mission" un rimborso spese di 700 euro al giorno

Today è in caricamento