rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Musica

Al Bano scrive a Kim Jong Un: “Abbandoni i progetti di guerra”

Attraverso una lettera pubblicata su ‘Oggi’ il cantante tenta di far allontanare il leader della Corea del Nord dai suoi propositi bellicosi

Al Bano, il popolare cantante pugliese, ha scritto una lettera al dittatore nordcoreano Kim Jong Un, pubblicata dal settimanale Oggi, per farlo desistere dalle sue intenzione belliche. 

Come sia nata questa idea Al Bano lo ha spiegato oggi a 'Un Giorno da Pecora', il programma di Rai Radio1 condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. 

“Una sola lettera non basta, tutta l'Italia e tutto il mondo dovrebbe scrivere alle loro ambasciate: inondiamo di lettere l'Ambasciata nordcoreano, la gravità del momento è immensa” ha esortato il cantante che rispetto alla sua missiva pubblicata sul settimanale ha precisato: “Intanto l'abbiamo pubblicata lì, per poi farla arrivare all'Ambasciata nordcoreana per sensibilizzarli. Si sta giocando con dei missili, non si scherza con queste cose”. 

Al Bano, che con enorme successo ha calcato i palchi di tutto il mondo, ha poi aggiunto che non gli dispiacerebbe esibirsi anche in Corea del Nord. 

Se Kim Jong Un smettesse di lanciare dei missili, lei andrebbe a cantare lì? “Io ho cantato in tutte le parti del mondo, mi manca la Corea Del Nord” è stata la risposta del cantante.

La lettera di Al Bano a Kim Jong-un pubblicata su ‘Oggi’

“Carissimo Presidente Kim Jong-un, mi chiamo Albano Carrisi, sono un artista popolare italiano e ho qualcosa da dirle. Le immagini che arrivano dal suo Paese la mostrano come un leader molto amato dalla sua gente. Non so quanto questo amore sia sincero, ma so che con il resto dell’umanità lei qualche problema ce l'ha, dopo il lancio dei missili del suo programma nucleare”: così il cantante di Cellino San Marco si è rivolto al dittatore nordcoreano nella missiva pubblicata sul settimanale Oggi.

Al Bano cita dittatori come Adolf Hitler, Benito Mussolini, Saddam Hussein, Muammar Gheddafi, - “uomini che avevano il mondo in mano e che invece hanno deciso di far scoppiare il mondo nelle loro mani”  - per poi concludere: “Abbandoni se può i suoi spaventosi progetti di provocazione della guerra e le posso assicurare che per me e molti altri colleghi artisti sarà un piacere venire nel suo Paese a cantare per lei, per celebrarla come promotore di una nuova era di pace”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Bano scrive a Kim Jong Un: “Abbandoni i progetti di guerra”

Today è in caricamento