Lunedì, 12 Aprile 2021

È morto il dj Claudio Coccoluto

Aveva 59 anni. Lascia la moglie e due figlie

Claudio Coccoluto, 59 anni (Crediti Facebook)

Lutto nel mondo del clubbing. È morto all'età di 59 anni Claudio Coccoluto. Dj italiano famoso nel mondo, si è spento martedì 2 marzo alle 4.30 nella sua casa di Cassino, accanto alla moglie Paola e ai figli Gianmaria e Gaia. Combatteva da più di un anno contro una grave malattia. Cordoglio unanime nel settore musicale, tra i più colpiti dalla pandemia. I funerali si svolgeranno domani nella Chiesa di Santa Maria in Montesanto a Roma, in piazza del Popolo, dedicata agli artisti.

Coccoluto, protagonista della scena musicale da oltre quarant’anni, ha esordito dietro alla consolle alla fine degli anni Settanta come speaker dell'emittente locale Radio Andromeda. La fama arriva poi nel decennio successivo. In questi mesi di emergenza sanitaria e, dunque, di stop a club e discoteche, aveva continuato a tenere un filo diretto col pubblico attraverso i social network. L'ultimo post su Facebook risale al 7 febbraio, quando scrive: "E coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi da quelli che non potevano sentire la musica".

Chi era Claudio Coccoluto

Coccoluto comincia a fare il dj per hobby in tenera età, già a 13 anni, appassionandosi alla musica nel negozio di elettrodomestici del padre, a Gaeta, città di cui è originario. La passione diventa poi professione nel 1985, con il lavoro nei locali Seven Up di Gianola, a Formia, in provincia di Latina, fino all'approdo nella Capitale, all'Histeria, dove rifinisce il suo stile di musica elettronica definendolo variante "underground". Il Goa di Roma, fondato con Giancarlo Battafarano, diventa la sua casa. 

Il successo diventa presto internazionale. Coccoluto è il primo dj europeo a suonare al Sound Factory Bar di New York. L'ultima pubblicazione risale al 2008 con l'album 'imusicselection5 - Vynil Heart'. Nel suo curriculum, anche la partecipazione attiva in politica: alle elezioni del 2006 si candida nel partito La Rosa nel Pugno. La sua biografia è ripercorsa nel libro 'Io, Dj', distribuito da Einaudi nel 2007. 

Il cordoglio di amici e colleghi. Franceschini: "Esempio di contaminazione tra le arti"

Tanti i messaggi lasciati in rete da colleghi ed amici. "Se ne va il maestro più grande e l’amico di sempre - commenta Giancarlo Battafarano - Ha dato cultura alla musica nei club come dj e artista fuori dal coro. Sempre pronto a metterci la faccia con i media sia per gli aspetti gioiosi sia per i problemi del nostro settore. Con lui se ne va una parte di me". E intanto Andrea Salerno, direttore di La7, chiede che venga reso giusto omaggio al dj in occasione del Festival di Sanremo alle porte. 

A salutare Coccoluto è anche il ministro Dario Franceschini: "Con Claudio Coccoluto scompare un protagonista della scena creativa italiana e internazionale che con le sue note e la sua musica all'avanguardia ha fatto ballare intere generazioni di ragazzi e ragazze. Un artista che amava la contaminazione delle arti. Mancherà a tutti noi". "Coccoluto ci ha fatto danzare e vivere, è stato gioia spensierata e impegno civile. L'ultima volta lo ricordo nella piazza di Piergiorgio Welby, al concerto per essere liberi fino alla fine. Come lui'', sono invece le parole di Marco Cappato, politico e attivista, su Twitter. 

''Ciao Claudio, chiacchierare con te di musica è stato illuminante..sei stato fonte di ispirazione per me e per molti altri dj. Rip'', twitta poi il dj torinese Gabry Ponte. ''Ti voglio ricordare cosi?.. Cocco amico mio, ci rivedremo in qualche club lassu?, intanto testami i suoni e impianto come sai fare solo tu. Eri un signore della musica. Rip'', è il ricordo di dj Ringo.

"Aspettavo la mia prima figlia Margherita - scrive il conduttore radiofonico e televisivo Gabriele Corsi - Mi hai detto: 'Quando ti nasce un figlio cambiano i colori'. Non me lo dimenticherò mai. Poesia. Ciao Claudio". "Il maestro - fa eco la presentatrice Andrea Delogu - Un uomo che ha regalato la classe che mancava al mestiere del produttore e del dj. Un uomo che ha fatto la storia della musica elettronica". Così il dj Linus su Instagram: ''In ogni mestiere ci sono quelli bravi, quelli molto bravi, e i fuoriclasse. Claudio era uno di questi. Felice di esserti stato amico, spero finalmente tu sia sereno''. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È morto il dj Claudio Coccoluto

Today è in caricamento